Calendario scolastico 2009/2010: le date

Di Barbara Leone.

Le regioni italiane hanno pubblicato i calendari scolastici per l'anno 2009/2010: si torna sui banchi tra il 14 ed il 21 settembre

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

La scuola è terminata da poche settimane e già si comincia a parlare del prossimo anno scolastico, che inizierà a settembre. Tutte le regioni italiane hanno infatti deciso il calendario scolastico 2009/2010. Si tornerà sui banchi a partire dal 14 settembre. Gli enti locali delle varie regioni italiane hanno pubblicato il calendario ufficiale. Il 14 settembre riprenderanno le lezioni in Calabria, Campania, Lazio (scuole elementari e medie), Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto e le province di Bolzano e Trento. Il 15 settembre sarà la volta degli studenti di Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Lazio (scuole superiori). Il 16 settembre toccherà agli studenti di Basilicata e Marche; il 17 settembre a quelli della Sardegna; il 18 settembre agli studenti della Puglia e della Sicilia; e, per finire, il 21 settembre agli studenti dell'Abruzzo, le cui scuole avranno più tempo per organizzarsi dopo il terremoto.

Le scuole si chiuderanno tra il 5 e il 12 giugno: i primi a terminare le lezioni saranno gli studenti di Calabria, Emilia-Romagna, e Trentino il 5 giugno; il 9 giugno toccherà a Marche, Puglia e Veneto; il 10 giugno a Sardegna ed Umbria; l'11 giugno ad Alto Adige e Friuli Venezia Giulia; e per finire il 12 giugno ad Abruzzo, Alto Adige (nelle scuole in cui le lezioni sono si svolgono su 6 giorni settimanali), Basilicata, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana e Valle d'Aosta. Le vacanze di Natale si svolgeranno dal 23 dicembre al 6 gennaio 2010, ad eccezione del Piemonte, dove inizieranno il 21 dicembre. Alto Adige, Campania, Veneto e Valle d'Aosta hanno ripristinato una settimana di vacanze per Carnevale a febbraio. Le vacanze di Pasqua dureranno circa sei giorni, a partire dal 1° aprile, fino al 6 o al 7 a seconda delle regioni.