Bullismo: quello via web è in crescita

Di Valentina Vacca.

Secondo il 72% dei ragazzi, il bullismo via internet rappresenta il fenomeno sociale più pericoloso oggi. Ecco cosa è risultato da uno studio tenuto da Save the Children

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

Secondo una ricerca Ipsos di Save The Children, il fenomeno del cyberbullismo sarebbe sempre più in crescita, specialmente in Sicilia. Sarebbero i social network i territori in cui i cyberbulli si muovono con più facilità e dimestichezza: commentano foto della loro vittima in maniera offensiva, scrivono frasi pesanti e torturano il "prescelto" con messaggi privati magari conditi di minacce.

LEGGI I DATI SUL CYBERBULLISMO>>

FENOMENO PERICOLOSO. Il 72% degli adolescenti considera infatti il bullismo via internet il fenomeno più pericoloso del momento; i ragazzi sostengono che le vittime di questo comportamento mettono in atto poi delle meccaniche di isolamento, rifiutano la scuola e iniziano a soffrire di depressione. Ma quali sarebbero gli atteggiamenti che portano i bulli a prendere di mira questo o quell'altro compagno?

TUTTE LE NEWS SUL CYBERBULLISMO>>

In primis la differenza, che sia questa di tipo razziale, sessuale o semplicemente di gusti in fatto di abbigliamento o musica. Poi l'aspetto fisico e la personalità introversa. E, come appunto si è detto all'inizio, sarebbe la Sicilia la regione italiana nella quale si verifica il maggior numero di atti di cyberbullismo.

LEGGI ANCHE: COME DIFENDERSI DAL BULLISMO>>

CASI IN SICILIA. Ad esempio, la Preside dell'Istituto Comprensivo Turrisi Colonna-D'Acquisto racconta la vicenda di una studentessa 13enne della sua scuola presa di mira su Facebook: <<Le venivano fatte offese davvero pesanti e la ragazza sollecitata dalla madre che a un certo punto ha scoperto tutto, ha cambiato scuola. Ma i compagni hanno continuato a perseguitarla su Internet. È una lotta impari che sfugge al controllo di scuola e genitori. I ragazzi stanno tutta la notte a chattare, non dormono più e la mattina sui banchi sono sfiniti o particolarmente esaltati. Se provi a privarli dei super telefonini con cui mettono a segno i loro obiettivi diventano anche aggressivi>>.

E se sei vittima di bullismo, ecco la legge che ti tutela