Compiti per casa, arriva la petizione per abolirli

Di Chiara Casalin.

Su internet parte la campagna “basta compiti!”, che chiede l’abolizione dei compiti per casa e per le vacanze. Ecco i motivi

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

COMPITI PER CASA, ABOLIZIONE –Basta compiti!”. A chiederlo a gran voce, udite udite, non sono gli studenti, ma professori, genitori, pedagoghi e dirigenti scolastici, tanto che su internet è partita una campagna per chiedere di abolire i compiti per casa nella scuola dell’obbligo. Dite la verità, studenti di tutta Italia… non vi sembra vero! E invece è proprio così. Per sostenere la campagna “Basta compiti” sono stati creati un gruppo su Facebook e un blog, grazie ai quali insegnanti, genitori e dirigenti scolastici possono discutere insieme di alternative migliori ai compiti per casa. In più sul sito Change.org è si può aderire alla petizione.

Focus: Come trovare la voglia di fare i compiti

ABOLIRE COMPITI PER CASA - Secondo i promotori della campagna “Basta compiti” infatti, i compiti per casa e quelli per le vacanze sono “una pratica inutile e dannosa”. Gli studenti infatti, dopo 5 o addirittura 8 ore di lezione al giorno, dovrebbero gustarsi un po’ di sano (e meritato) tempo libero, e non dovrebbero ritrovarsi costretti di nuovo sui libri, con lo stress di imparare per forza informazioni, date o definizioni che molto probabilmente dimenticheranno presto. Secondo quanto si legge nel manifesto della petizione “Basta compiti”, i compiti per casa e per le vacanze andrebbero addirittura contro al “diritto al riposo e allo svago” sancito dall’articolo 24 della dichiarazione dei diritti dell’uomo.

Da non perdere: 10 falsi storici che ti insegnano a scuola

NIENTE COMPITI A CASA - Per non parlare dei compiti per il sabato e per la domenica! Il weekend infatti è l’unico momento in cui i genitori che lavorano possono passare del tempo con i figli… usare questi giorni per fare i compiti non è giusto. Per di più esiste una circolare ministeriale del 14 maggio 1969 che dice che non devono essere assegnati compiti a casa per “il giorno successivo a quello festivo”. In poche parole, non si dovrebbero assegnare compiti a casa per il lunedì!
Insomma ragazzi, se odiate i compiti per casa (e abbiamo una vaga sensazione che per molti di voi sia così), questa è un’ottima notizia… un barlume di speranza per pomeriggi ed estati libere da maree di compiti!

Come andrà a finire? La petizione avrà successo? Solo il tempo può dirlo... intanto, se volete sapere tutti i motivi per i quali i compiti per casa dovrebbero essere aboliti secondo la campagna “Basta Compiti!”, leggete il manifesto completo e visitate il blog!