Auschwitz: cos'è, dove si trova e storia del simbolo universale dei lager

Auschwitz oggi è il simbolo universale dei lager nazisti, la" fabbrica della morte" dove, tra il 1940 e il 1944, furono sterminati più di un milione di prigionieri, soprattutto ebrei.

Auschwitz: cos'è, dove si trova e storia del simbolo universale dei lager
getty-images

Auschwitz: cos'è

Auschwitz è un nome che è diventato simbolo di uno dei più grandi e spaventosi crimini contro l'umanità nella storia: l'Olocausto. Si riferisce a un insieme di campi di sterminio e di concentramento nazisti situati in Polonia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Auschwitz è costituito da tre principali campi:

  1. Auschwitz I;
  2. Auschwitz II (Birkenau);
  3. Auschwitz III (Monowitz).
L'ingresso del campo di concentramento
Fonte: istock

È stato il più grande complesso di campi di concentramento e di sterminio creato dal regime nazista. Milioni di persone, per lo più ebrei, ma anche omosessuali, dissidenti politici, Rom e altri gruppi perseguitati, furono imprigionate, sottoposte a lavori forzati, torturate e, nella stragrande maggioranza dei casi, uccise nelle camere a gas.
Auschwitz è un simbolo di orrore, sofferenza e genocidio. È stato liberato dalle forze sovietiche nel gennaio 1945. Dopo la liberazione, il sito è diventato un memoriale e un museo, Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum, per onorare la memoria delle vittime e per educare il mondo sulle terribili conseguenze dell'odio razziale e dell'intolleranza.

Inoltre, proprio per ricordare l'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, il 27 gennaio di ogni anno si celebra la giornata della memoria, per ricordare le vittime della Shoah e non dimenticare questa grande tragedia umana.

Cosa c'è nell'Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum

L'Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum è un sito commemorativo e un museo che onora la memoria delle vittime dell' Olocausto e conserva le testimonianze degli orrori avvenuti nei campi di concentramento e sterminio di Auschwitz. Il museo serve anche come centro educativo per condividere la storia dell'Olocausto e promuovere la consapevolezza e la comprensione.

Se deciderai di andare ad Auschwitz ecco cosa troverai nel Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum:

  • Blocchi e baracche: I visitatori possono esplorare gli edifici originali dei campi di Auschwitz I e Birkenau, noti come "blocchi". Questi blocchi contengono esibizioni che illustrano la storia dei campi, mostrando oggetti personali, fotografie, testimonianze scritte e altre informazioni sulla vita dei prigionieri e sugli eventi accaduti durante l'Olocausto.
  • Celle di detenzione: Alcuni dei blocchi contengono celle di detenzione, dove i prigionieri venivano imprigionati in condizioni disumane. Queste celle sono mantenute come parte della testimonianza storica.
  • Rovine delle camere a gas e dei crematori: A Birkenau, i visitatori possono vedere le rovine delle camere a gas e dei crematori, dove milioni di persone sono state uccise. Queste rovine testimoniano l'orrore degli omicidi di massa perpetrati dai nazisti.
  • Monumenti e memoriali: Il sito è punteggiato da monumenti e memoriali che commemorano le vittime. Tra questi, c'è il monumento internazionale alle vittime, l'International Auschwitz Council Memorial Book, e altri segni di omaggio.
  • Guide e documenti storici: Il museo offre una vasta gamma di guide audio, documentari e materiali didattici per aiutare i visitatori a comprendere meglio la storia e l'importanza della memoria.
  • Eventi educativi: Il museo ospita eventi educativi, seminari e conferenze per promuovere la consapevolezza dell'Olocausto e per discutere i temi legati alla memoria storica.

L'obiettivo principale dell'Auschwitz-Birkenau Memorial and Museum è quello di commemorare le vittime e di educare il pubblico sulla portata dell'Olocausto, affinché tali atrocità non vengano mai dimenticate e non si ripetano mai più.

Come arrivare ad Aushwitz e visitare il campo di concentramento

Per visitare il campo di concentramento di Auschwitz dall'Italia è necessario:

  • arrivare a Cracovia (ci sono voli diretti da molte città italiane);
  • da Cracovia prendere un treno oppure l'autobus per percorrere i restanti 60 km. 

Come si legge sul blog tiraccontounviaggio l'accesso al campo è gratuito ed i prezzi che si leggono in giro in realtà riguardano l'acquisto della visita guidata su vari siti. Ma acquistandola direttamente sul posto costa molto meno.

Una volta visitato il campo di Auschwitz ci si può spostare a Birkenau che si trova a soli 3 km. I due campi sono collegati attraverso una navetta.

Materiale utile per approfondire

APPUNTI, TEMI E TESINE:

LIBRI SULLA SHOAH:

POESIE SULLA SHOAH

Il podcast sulla shoah

Ascolta su Spreaker.
Un consiglio in più