Attentati a Bruxelles 22 marzo: riassunto sugli attacchi

Di Chiara Casalin.

Riassunto sugli attacchi terroristici del 22 marzo 2016 a Bruxelles. Cos'è successo all’aeroporto e nella metropolitana

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

ATTACCHI TERRORISTICI BRUXELLES: RIASSUNTO

La mattina di martedì 22 marzo Bruxelles è stata colpita da attacchi terroristici, rivendicati dall’ISIS, che hanno provocato 31 morti e almeno 250 feriti.
Gli attentati sono avvenuti in due punti della città: l’aeroporto di Zaventem, situato a Nord-Est della capitale belga, e la stazione della metropolitana Maelbeek, che si trova a pochissima distanza dal quartiere delle istituzioni Europee, tra cui il Parlamento e la Commissione UE.
Di seguito vi riportiamo un breve riassunto sugli attentati di Bruxelles.

Terrorismo: appunti e temi per riflettere in vista della maturità 2016

RIASSUNTO ATTENTATI BRUXELLES 22 MARZO 2016

Poco prima delle 8.00 del mattino l’aeroporto di Zaventem è stato il teatro di due esplosioni, quasi simultanee, ad opera di due kamikaze identificati nei fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui. Entrambi gli scoppi sono avvenuti nella zona delle partenze: il primo vicino al bancone del check-in della compagnia aerea America Airlines, e il secondo vicino ad un bar della catena Starbucks. Testimoni hanno raccontato di aver sentito alcuni spari e un uomo che urlava qualcosa in arabo, prima delle deflagrazioni.

All'aeroporto c'era anche un terzo attentatore, il ventiquattrenne Najim Laachraoui, identificato come l'artificiere del gruppo, che avrebbe collaborato anche nella preparazione delle cinture esplosive ritrovate a Parigi sui luoghi degli attentati di novembre. Laachraoui è ttualmente ricercato.
Durante il pomeriggio la polizia ha trovto all'interno dell'aeroporto altri ordigni inesplosi e un kalashnikov.
Secondo fonti giornalistiche nell’attacco all’aeroporto ci sono stati 10 morti accertati e circa 80 feriti.

Focus: Che cos'è l'ISIS: approfondimento

ATTENTATI BRUXELLES 2016

Il secondo luogo colpito è stata la stazione della metro Maelbeek, poco distante dalla Commissione europea e dal Parlamento Europeo. Qui, verso le 9.10 di mattina, in orario di punta, una bomba è esplosa in un treno diretto verso il centro della città, provocando 20 morti e più di 100 feriti.

ATTENTATI ISISI BRUXELLES: RIASSUNTO

Secondo quanto riporta l’agenzia giornalistica Agi, entrambi gli attacchi sono stati rivendicati dall’ISIS tramite una nota diramata dall’agenzia stampa “Amaq”, nella quale si prometterebbero ulteriori attacchi in Europa.

Dopo gli attentati Bruxelles è stata blindata e il livello di allerta è stato alzato in tutto il Paese. La polizia belga effettua perquisizioni e dà la caccia a Laachraoui.
Anche nel resto d’Europa l’allerta è alta, soprattutto a Parigi, che solo il 13 novembre scorso è stata sconvolta dagli attacchi terroristici allo stadio, al Bataclan e in alcune strade del centro.
Gli attentati a Bruxelles sono avvenuti a quattro giorni di distanza dalla cattura di Salah Abdeslam, uno dei responsabili degli attacchi a Parigi.