Dislessia: nuove misure a favore degli studenti in scuole e università

Di Barbara Leone.

Il Ministero della Pubblica Istruzione ha approvato il piano di aiuti per sostenere gli studenti di ogni età che soffrono di disturbi specifici dell'apprendimento

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

Mariastella Gelmini ha firmato il decreto attuativo della legge 170/2010 che considera dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia come disturbi specifici di apprendimento ed avvia nelle scuole e nelle università italiane nuove norme per aiutare e sostenere tutti gli studenti che soffrono di questi problemi. Secondo le recenti statistiche del Miur, gli studenti che soffrono di questi disturbi sono circa 70.000, ma i casi non diagnosticati potrebbero essere molti di più e si parla di circa 200.000 bambini e giovani. La legge, che tutela il diritto allo studio per questi studenti, prevede nuove modalità didattiche, forme di valutazione più adeguate, il supporto alle famiglie ed una formazione specifica per gli insegnanti.

Il decreto prevede l'utilizzo di strumenti didattici e tecnologici, che possano facilitare lo studio degli studenti con DSA: sintesi vocale, che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto; il registratore, che consente all’alunno o allo studente di non scrivere gli appunti della lezione; i programmi di video scrittura con correttore ortografico, che permettono la produzione di testi sufficientemente corretti senza l’affaticamento della rilettura e della contestuale correzione degli errori; la calcolatrice, che facilita le operazioni di calcolo. Inoltre si prevede di permettere agli studenti di "non svolgere alcune prestazioni particolarmente difficoltose a causa del disturbo", come ad esempio una prova scritta di una lingua straniera. Le prove potranno essere sostituite da altre di uguale valore.

Le istituzioni scolastiche dovranno organizzare con maggiore frequenza incontri con le famiglie degli studenti con DSA, "affinché l'operato dei docenti risulti conosciuto, condiviso e coordinato con l'azione educativa della famiglia stessa". La legge prende in considerazione anche gli studenti universitari con DSA, che "hanno diritto a veder riconosciuti le misure dispensative e gli strumenti compensativi adottati nelle scuole, sin dai test di ammissione, nei quali si potrà prevedere un tempo aggiuntivo, fino a un massimo del 30% in più, per lo svolgimento delle prove". Mentre nel normale percorso accademico (lezioni ed esami), gli atenei potranno permettere a questi studenti di utilizzare facilitazioni e strumenti compensativi, come quelli usati nelle scuole (registrazione delle lezioni, utilizzo di testi in formato digitale e programmi di sintesi vocale).



Tutti i docenti dovranno essere formati per offrire agli studenti con DSA il supporto più adeguato. Il Ministero ha già avviato corsi di formazione in 12 regioni italiane ed in altre 6 regioni i corsi partiranno entro la fine dell'anno. Dal prossimo anno accademico, in 32 atenei saranno anche attivati Corsi di Perfezionamento o Master in “Didattica e psicopedagogia per i Disturbi Specifici di Apprendimento”, rivolti a dirigenti scolastici e docenti delle scuole di ogni ordine e grado. Il Ministero ha poi attivato 96 Centri Territoriali di Supporto alle scuole e ai docenti, che potranno essere impiegati come centri di consulenza, formazione, collegamento e monitoraggio e saranno connessi telematicamente. Sul sito del Ministero è stata infine realizzata una pagina ufficiale dedicata ai disturbi dell'apprendimento.

Mariastella Gelmini, parlando di quello che è "un provvedimento importante", ha dichiarato che "la scuola deve dare risposte e sostenere le famiglie e questi studenti che sono normodotati, anzi qualche volta con un talento superiore alla media. Hanno solo disturbi particolari per quanto riguarda per esempio la discalculia, la disgrafia, la dislessia. È doveroso da parte del Ministero non solo formare gli insegnanti, ma anche sensibilizzare i dirigenti scolastici affinché vengano predisposti percorsi personalizzati e individuali e ci siano anche gli strumenti adeguati. La scuola si deve attrezzare per fare in modo che questa legge venga non solo rispettata, ma anche attuata in tutte le sue parti".

Il Ministro ha poi parlato dei Centri Territoriali di Supporto, per i quali il Miur ha stanziato un milione di euro: "Corrispondono ad una Volontà di sostenere anche le famiglie, perché spesso non sono state sostenute nella diagnosi dei disturbi. Si è intervenuto tardi, non c'è una corretta informazione e quindi questi centri territoriali sul territorio nazionale hanno la funzione di uno sportello a sostegno degli studenti e delle famiglie per favorire il dialogo con la scuola e gli insegnanti".