Cos'è e come funziona un anno sabbatico

Di Veronica Adriani.

Prendersi o meno un anno sabbatico? Vantaggi e svantaggi, origine e storia del nome e cosa si può fare durante un anno sabbatico per studio o lavoro

ANNO SABBATICO

Come funziona un anno sabbatico? Quali sono i vantaggi?
Come funziona un anno sabbatico? Quali sono i vantaggi? — Fonte: getty-images

Il termine anno sabbatico deriva dalla tradizione ebraica. Dal V secolo a.C. si denominava anno sabbatico quel periodo durante il quale si lasciava riposare la terra, si condonavano i debiti e venivano liberati gli schiavi, ovvero quelle persone che lavoravano per il loro creditore per risarcirgli i danni di debiti non pagati o reati commessi.

In questo periodo, il creditore provvedeva al mantenimento dello schiavo. Quando lo liberava, gli versava del denaro perché potesse tornare a condurre una vita autonoma. L'anno sabbatico cadeva ogni sette anni cadeva: in questo periodo i debiti venivano condonati e si annullavano.

ANNO SABBATICO OGGI

Oggi l'anno sabbatico - o gap year - è ovviamente qualcosa di molto diverso. Per i docenti, si tratta di un congedo retribuito (che si può richiedere due volte ogni dieci anni) per dedicarsi alla ricerca. Per gli studenti, invece può essere moltissime cose:

  • Un anno di stacco dagli studi per viaggiare e fare esperienze lontano da casa
  • Un anno di volontariato o servizio civile prima di iniziare l'università o cercare lavoro
  • Un anno dedicato allo studio di una lingua o delle basi di un mestiere
  • Un anno fatto di piccole esperienze lavorative per mettere da parte il denaro per fare altro dall'anno successivo

ANNO SABBATICO: VANTAGGI E SVANTAGGI

La domanda, per tutti, è sempre la stessa: fare o non fare un anno sabbatico?

In realtà, la risposta è complessa: dipende dalle necessità, dai bisogni, dalla storia personale di ognuno. Ad esempio, non tutti al termine delle superiori sono assolutamente certi sul loro futuro. In questo caso, prendersi un anno sabbatico potrebbe significare chiarirsi le idee e fare, l'anno successivo, una scelta consapevole. Magari, potrebbe anche significare mettere in stand-by l'inizio dell'università provando subito a lavorare, per rendersi conto di quale sia il percorso che si vuole affrontare in seguito (studiare ancora? Specializzarsi? Rendersi autonomi dal punto di vista economico? Cambiare città?).

Nel caso in cui si stia per iniziare un percorso lungo e complesso - un lavoro impegnativo, una facoltà molto rigida - vantaggi e svantaggi vanno misurati in base al singolo caso. Prendersi un anno sabbatico prima di iniziare Medicina, ad esempio, potrebbe significare iniziare il percorso con un anno di ritardo rispetto ai coetanei, e magari affrontare il test con una freschezza minore rispetto a chi è appena uscito da scuola. Di contro, potrebbe anche significare - nel caso si parta per un anno all'estero per imparare una lingua - aprirsi molte più possibilità per un percorso fuori dall'Italia: quello svantaggio iniziale, insomma, si trasformerebbe in un vantaggio a lungo termine.

PERCHÉ FARE UN ANNO SABBATICO

In generale, fare un anno sabbatico rende più consapevoli e responsabili. Prendersi del tempo per sé - purché ovviamente ben investito - serve a riflettere su se stessi e a capire meglio cosa si vuole.

Viaggiare non è un lusso o una perdita di tempo, come spesso si crede. Al contrario, ci mette di fronte ai nostri limiti, ci toglie dalla nostra zona di comfort, ci costringe a guardare chi siamo rispetto a noi stessi e agli altri. Se durante l'anno sabbatico si sceglie di viaggiare, quindi, quel periodo all'estero sarà tutt'altro che una semplice vacanza. Servirà anzi a conoscere nuovi modi di vivere, pensare, e magari studiare o lavorare. Servirà a capire, ad esempio, se potrebbe essere o meno la strada giusta per noi.

Ascolta su Spreaker.

Ma anche lasciare gli studi per un anno per lavorare potrebbe essere importante per capire se siamo davvero tagliati per l'università o se la nostra priorità è renderci autonomi il prima possibile. In entrambi i casi, uscire di casa non potrà che far bene: responsabilizza, infonde sicurezza - sul lungo periodo! - e fa crescere come individui.

COME FINANZIARE UN ANNO SABBATICO

Ed eccoci al tasto dolente: come finanziare un anno sabbatico? Non è facile, ma non è neppure vero che possa permetterselo solo chi ha già una buona disponibilità economica.

Per prenderti un anno sabbatico senza dipendere del tutto dai tuoi genitori, puoi sfruttare questi canali:

  • Il servizio civile
    Non è un lavoro a tutti gli effetti, ma prevede un rimborso spese che ti permette di sostenere spese minime per il periodo in cui lo farai. Prevede anche alcune opportunità all'estero, dunque potrebbe essere un ottimo canale per lavorare viaggiando
  • Un lavoro come Au pair
    Lavorare come ragazzo o ragazza alla pari ti permetterà di vivere direttamente presso una famiglia ospitante e pagarti, con il rimborso spese, eventuali corsi nella città in cui andrai a vivere. Inutile dire, poi, che è un'occasione d'oro per imparare una lingua straniera.
  • Una borsa di studio
    Esistono moltissime opportunità per studiare all'estero con un finanziamento adeguato. Non occorre necessariamente essere iscritti all'università: esistono moltissimi programmi per partire alla scoperta di una nuova lingua. Per sapere come, puoi consultare la nostra guida sulle borse di studio all'estero.