Abolizione numero chiuso: l'Udu vince il ricorso e il Miur riapre le graduatorie

Di Maria Carola Pisano.

Il Miur riapre le graduatorie delle facoltà a numero chiuso: ecco le news sull'importante vittoria dell'Unione degli Universitari

NUMERO CHIUSO: RICORSO UDU

Numero chiuso: l'Udu vince il ricorso e il Miur riapre le graduatorie
Numero chiuso: l'Udu vince il ricorso e il Miur riapre le graduatorie — Fonte: istock

Siamo vicini all'abolizione del numero chiuso all'università? Non lo sappiamo con certezza ma ciò che è sicuro è che l'Unione degli Universitari sta lottando per questo: il Miur, dopo la battaglia dell'Udu, riaprirà infatti le graduatorie delle università a numero chiuso dell'anno accademico 2015/16 che erano state chiuse anticipatamente. Un'altra importante vittoria dell'Unione degli Universitari che, con lo studio legale Bonetti, ha vinto dopo due anni in seguito a un ricorso.

GRADUATORIE UNIVERSITA': A BREVE LA RIAPERTURA

Dopo il ricorso vinto dall'Udu verranno riaperte le graduatorie delle facoltà a numero chiuso a partire dall'8 gennaio 2018 e solo per quanto riguarda le graduatorie dell'anno accademico 2015/2016 che erano state oggetto di chiusura anticipata: l'importante vittoria - sottolinea l'Udu - andrà a favore di centinaia di studenti che chiedevano la riapertura delle graduatorie. Gli universitari, a partire dall'8, potranno collegarsi alla loro area riservata su Universitaly e controllare la loro situazione aggiornata.

UDU, IL RICORSO CONTRO I TEST D'AMMISSIONE

Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell'Unione degli Universitari, rivela che la riapertura delle graduatorie non andrà a vantaggio solo delle matricole direttamente interessate, cioè degli studenti iscritti al primo anno nell'anno accademico 2015/2016 ma influirà positivamente anche sulle graduatorie delle facoltà a numero chiuso deglli anni accademici successivi: "moltissimi studenti hanno congelato la loro posizione in attesa che la vicenda relativa alla chiusura anticipata delle graduatorie arrivasse a conclusione. Ora è facile immaginare come ci saranno degli scorrimenti consistenti su tutte le graduatorie degli anni successivi al 2015. È compito del Ministero, ora, evitare che si perda altro tempo e quindi facilitare le procedure di iscrizione per tutti gli studenti interessati, intervenendo con direttive chiare verso gli atenei".

La battaglia dell'Udu non si ferma qui, come conferma Elisa Marchetti: " Vogliamo che la politica si  assuma nel corso della prossima legislatura la responsabilità di abrogare la legge 264/1999, andando finalmente verso un sistema di accesso che superi la programmazione e che rispetti la costituzione, che agli articoli 3 e 34 indica l’Università come libera e accessibile". Una vittoria, quella ottenuta dall'Udu, che si inserisce nella più ampia protesta che l'associazione conduce da tempo contro i test d'ingresso per le facoltà ad accesso programmato, una vittoria che ci avvicina sempre di più all'abolizione del numero chiuso.