A-Scales, dalla Maker Faire alla maturità 2018

Di Maria Carola Pisano.

Dopo la partecipazione alla Maker Faire di Roma, A-Scales arriva alla maturità 2018. Scopri cos'è e come funziona la bilancia intelligente

Maturità 2018: i progetti degli studenti

I quattro maturandi del team di A-Scales
I quattro maturandi del team di A-Scales — Fonte: photo-courtesy

L'ultimo anno delle scuole superiori può essere indimenticabile e non solo per la quantità di compiti in classe e interrogazioni. Tra gli studenti che quest'anno saranno protagonisti della maturità 2018, alcuni hanno investito il loro tempo nella creazione delle loro idee e progetti innovativi. E' il caso di A-Scales, una bilancia intelligente nata grazie all'impegno di Serena Anzalone, Matteo Lombardo, Marco Buono e Mattia Amico, ragazzi di 18 e 19 anni della quinta superiore dell'ITET Rapisardi-Da Vinci di Caltanissetta. I ragazzi, che hanno sviluppato il progetto interamente nei laboratori dell'Istituto, hanno potuto contare anche sull'aiuto dei docenti Manuela Musumeci, insegnante di Informatica, e Fabio Capraro, docente di Sistemi e Reti.

DALLA MAKER FAIRE ALL'ESAME DI STATO 2018

Per il team di A-Scales, quest'anno impegnato anche nell'esame di Stato 2018, la selezione per la Maker Faire è stata fonte di grande soddisfazione: "A-Scales è stato selezionato per l’evento fieristico internazionale Maker Faire 2017,  tra oltre 200 lavori provenienti dagli Istituti Scolastici di Secondo grado appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea e non solo. Quest’anno, infatti, la fiera ha ricevuto candidature da Paesi extra UE come Israele, Svizzera, Cina e dall’India".

A-SCALES: L'IDEA DI 4 MATURANDI DI CALTANISSETTA

A-Scales (Automatic Scales) è una bilancia intelligente ideata per l'utente privato ma che in futuro potrebbe essere modellata per le esigenze delle piccole e medie imprese. Lo scopo è quello di evitare lo spreco di cibo: il sistema - con il quale si interagisce tamite un display touch interfacciato con un software - è in grado di fornire all'utente informazioni sugli alimenti presenti in casa come quantità e scadenza. La lettura degli alimenti e l'archiviazione viene fatta grazie a un sensore RFID adesivo che identifica in modo univoco l'alimento mentre il software archivierà tutte le informazioni e l'elenco dei prodotti.

A-Scales, il prototipo finale realizzato con una stampante 3D
A-Scales, il prototipo finale realizzato con una stampante 3D — Fonte: photo-courtesy

Il sensore RFID, che è collegato a una scheda Arduino, acquisisce tutte le informazioni del prodotto e le invia, tramite Bluetooth a un device Android. Qui le informazioni si interfacciano con un software in grado di fornire altri dettagli come scadenza, calorie e quantità, e avvisi personalizzati durante la fase di scadenza del prodotto o l'esaurimento. Ma A-Scales consente anche ambiziosi sviluppi futuri, come assicurano i ragazzi del team: "Nella versione 2.0 il software si occuperà di fornire proposte di ricette basate sugli alimenti disponibili considerando anche il fabbisogno energetico legato a personali regimi dietetici. I contenitori per i cibi vanno in un primo momento registrati con l’alimento che conterranno, con la sua relativa data di scadenza".

MATURITA' 2018 TESINA

Dopo la partecipazione alla Maker Faire, A-Scales arriverà quest'anno anche alla maturità 2018: l'ideatrice Serena Anzalone lo porterà all'esame come tesina. I quattro ragazzi dell'ITET Rapisardi-Da Vinci di Caltanisetta pensano già al futuro, all'università: "Dopo la maturità, tutti i componenti del team proseguiranno gli studi principalmente presso facoltà tecnico-scientifiche (Ingegneria Informatica, Ingegneria Elettronica, Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche) in accordo al nostro percorso di studi ed alle nostre attitudini personali". Per le altre informazioni su A-Scales, consultate il sito del progetto.

Leggi tutte le storie dei progetti dei maturandi del 2018: