Giovani che non studiano e non lavorano: la posizione dell'Italia nel rapporto Eurispes

Di Redazione Studenti.

Quanti sono i NEET in Italia secondo l'ultimo rapporto Eurispes? Ecco la posizione del nostro paese sui giovani che non studiano né lavorano

NEET IN ITALIA

L'ultimo rapporto Eurispes mostra la posizione dell'Italia sui NEET rispetto all'Europa
L'ultimo rapporto Eurispes mostra la posizione dell'Italia sui NEET rispetto all'Europa — Fonte: getty-images

I NEET - Not in education, employment or training - sono i giovani che non studiano a non lavorano, non cercando neppure attivamente un impiego. Una forza lavoro abbandonata a sé stessa, che l'Europa mappa ogni anno attraverso il rapporto Eurispes, che mostra la posizione dei vari paesi in classifica.

Nel 2020 l'Italia è stato il paese meno virtuoso: lo mostra il rapporto Eurispes 2022, che riporta i dati per ciascun paese, diviso anche per aree, in modo che sia possibile individuare quali zone di ciascuno sono più in difficoltà.

RAPPORTO EURISPES NEET 2022

Il rapporto Eurispes OCSE 2022 mette ai primi posti in classifica Svezia e Paesi Bassi, entrambi paesi in cui i NEET sono al 7%, mostrando un divario incredibile con gli altri stati europei. 

L'Italia emerge nella classifica, purtroppo in senso tutt'altro che positivo. Questa la situazione:

  • Spagna (18,6%);
  • Bulgaria (19%);
  • Grecia (21%);
  • Italia (25,1%).

Per trovare percentuali peggiori di quelle del nostro paese, si deve uscire dall'Europa. Sono solo tre i paesi dove i NEET sono in numero maggiore rispetto all'Italia:

  • Turchia (33,6%);
  • Montenegro (28,6%);
  • Macedonia (27,6%).

NEET ITALIA: DOVE SI TROVANO

Il rapporto Eurispes pone l'accento sul fatto che la situazione sia in gran parte dovuta alla pandemia, che avrebbe scavato un solco tra le varie generazioni, penalizzando quelle più giovani. Non solo: il divario è anche di genere. Dei 3.085.000 neet in Italia, ben 1,7 milioni sono infatti donne.

L'Italia è divisa in due parti distinte, e la maggior parte dei NEET si concentra al sud:

  • Sicilia (30,3%);
  • Calabria (28,4%);
  • Campania (27,3%);
  • Puglia (23,6%);
  • Sardegna (21,8%);
  • Molise (20,3%).

Leggi anche:

  • Università, le agevolazioni per reddito e merito
    In molti atenei sono presenti agevolazioni - per merito e per reddito - riservate a alle matricole 2022/2023 che hanno appena superato la maturità. Ecco quali sono i tetti ISEE ed i voti della maturità che danno diritto all'iscrizione gratuita o ad una riduzione delle tasse.
  • Game making, uno dei lavori del futuro
    Se ti piace il mondo dei giochi e dei video giochi puoi scegliere di frequentare una scuola che ti prepara a lavorare in questo mondo come game designer, musicista, sviluppatore, producer...
  • Ingegneri, tecnici e profili IT: le figure più difficili da trovare
    Le aziende cercano tecnici, ingegneri e profili in ambito IT. Torna a crescere la produzione e, in alcuni casi, si superano i livelli pre-Covid. Mancano, però, professionisti altamente qualificati.