5 regole per non sbagliare il congiuntivo

Di Redazione Studenti.

Quando si usa il congiuntivo: ecco cinque semplici trucchi per imparare a riconoscere e ad usare correttamente questo tempo verbale in italiano

Introduzione

5 regole per non sbagliare il congiuntivo
5 regole per non sbagliare il congiuntivo — Fonte: getty-images

Come voi lettori e lettrici ben saprete, uno dei tempi verbali più complessi da imparare è certamente il congiuntivo. Il congiuntivo è un modo verbale che indica eventi non oggettivi, surreali, insicuri o non rilevanti. Il congiuntivo (non solo per i più piccoli, ma anche per molti adulti!) è un tempo verbale decisamente "ostile", che non sempre è facile da riconoscere o da utilizzare correttamente. Soprattutto, è difficile coniugare sempre nel modo giusto i verbi al congiuntivo.

Per questo motivo ho deciso di scrivere questa semplice e breve (ma allo stesso tempo interessante e, spero, utile) lista nella quale andrò ad inserire 5 semplici regole per non sbagliare il congiuntivo. Buona lettura!

Conoscere l'uso dei tempi

Innanzitutto dovete sempre ricordare a quali tempi possiamo usare il congiuntivo. I tempi ai quali possiamo utilizzare il congiuntivo sono i seguenti:

  • il tempo "presente", cioè quello che indica una possibilità in dipendenza di un verbo presente o futuro ("che io arrivi");
  • il tempo "imperfetto": che indica una possibilità in dipendenza da un verbo al passato o condizionale ("che io arrivassi");
  • il tempo passato, che indica una possibilità che dipende da un verbo presente o futuro (può essersi già realizzata, "che io sia arrivato");
  • infine, il tempo "tra-passato" che ci indica una possibilità, che ancora non è stata verificata, in dipendenza solamente da un verbo passato ("che io fossi arrivato").

Usare il congiuntivo quando c'è dubbio

Nelle frasi di dubbio va sempre (sempre!) utilizzato il congiuntivo! Facciamo qualche esempio:

  • "se andassi a giocare ora, non avrei tempo per studiare, o forse sì?".
  • O ancora: "se domani piovesse, potremmo comunque vederci per fare una passeggiata?".
  • Infine: "chi mi ha scritto? Che sia stato Luigi?".

Usare il congiuntivo nei "comandi"

Quando usiamo il "lei di cortesia" per fare dei comandi o degli ordini, allora è sempre corretto sfruttare il congiuntivo. Facciamo degli esempi:

  • "Professoressa, mi faccia andare in bagno!".
  • Oppure: "Dottore, per favore, mi faccia parlare con un suo collega!".

Ricordare le espressioni che richiedono il congiuntivo

Ci sono delle espressioni verbali le quali, seguite dalla congiunzione "che", devono essere sempre e comunque seguite dal modo verbale congiuntivo: sono delle espressioni facili da ricordare poiché nel parlato quotidiano le utilizziamo piuttosto frequentemente.

Non confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto

L'errore più grave (ma, ahimè, più comune!) è certamente quello di confondere il congiuntivo con l'indicativo imperfetto e, dunque, compiere un errore gravissimo dal punto di vista grammaticale.

Vediamo un esempio di frase scorretta: "Non pensavo che oggi c'era la verifica di inglese", abbiamo usato l'imperfetto e ciò è SCORRETTO.

La frase CORRETTA è la seguente: "Non pensavo che oggi ci fosse la verifica di inglese".

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili: