15enne si suicida per colpa di un bullo via internet

Di Valentina Vacca.

Una ragazzina canadese di 15 anni non ha retto più alle prese in giro avvenute su internet ad opera di un bullo. La causa scatenante è stata una foto su Facebook

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

A quanto pare il bullismo è un problema che sussiste non solamente tra i banchi di scuola, ma anche via Facebook: la triste vicenda della ragazzina di 15 anni canadese suicidatasi proprio a causa di un bullo conosciuto via web ne è la prova. Amanda Todd, questo il nome della ragazza aveva infatti ceduto ai complimenti e alle lusinghe di un uomo conosciuto su Facebook.

LEGGI LE ULTIME NEWS SULLA VICENDA DI AMANDA TODD>>

La ragazza era rimasta talmente affascinata da questa conoscenza virtuale tanto da inviargli delle foto in topless con il seno completamente scoperto. Il cyber bullo però, dopo averle ricevute, aveva iniziato a minacciarla promettendole che avrebbe diffuso le sue foto hot se questa non si fosse esibita per lui in uno spettacolo hard. Ma lei non ha ceduto e si è rifiutata, così il bullo ha reso reale la minaccia: le foto hard di Amanda hanno iniziato a circolare pubblicamente sui social network.

I genitori, venuti a conoscenza della vicenda, hanno cambiato città e Amanda ha cambiato scuola, ma ormai la sua vita era diventata impossibile, tanto che il 7 settembre su YouTube la ragazzina ha lanciato un disperato appello nel quale chiedeva di essere lasciata in pace. Dopo aver conosciuto un altro ragazzo, più grande e già fidanzato, Amanda si è trovata davanti a scuola la fidanzata di lui la quale l'ha picchiata, motivo per cui Amanda, tornata da scuola, aveva ingerito della candeggina.

COME ESSERE FELICI A SCUOLA>>

Ma la sua triste vicende non finisce qui: sempre lo stesso giorno, Amanda trova sulla sua pagina Facebook minacce, insulti e anche l'invito a suicidarsi. Dopo un ultimo disperato appello su YouTube la quindicenne non ce l'ha fatta e si è tolta la vita.

L'ultimo filmato di Amanda servirà a combattere il cyber bullismo, proprio come lei avrebbe voluto (lo trovate qui)