Curriculum Vitae: 10 errori da non fare quando lo scrivi

Di Redazione Studenti.

Curriculum Vitae senza data di nascita o senza firma e data, esperienze lavorative confuse, errori di ortografia...i 10 errori più frequenti

CURRICULUM VITAE, ERRORI

Come si scrive un CV? Ecco gli errori da evitare
Come si scrive un CV? Ecco gli errori da evitare — Fonte: getty-images

Scrivere il curriculum è uno dei momenti più importanti della ricerca del lavoro: il CV è il tuo biglietto da visita con il quale ti presenti alle aziende dalle cui vorrestti farti assumere. Prima ancora del colloquio, però, il tuo CV dovrà colpire l'attenzione dei selezionatori.

Naturalmente, per fare questo, è fondamentale evitare errori nella redazione del curriculum vitae: è dimostrato che i responsabili della selezione all'interno delle aziende utilizzano in media nove secondi per leggere il curriculum del candidato e decidere se passare allo step successivo.

Ecco perché per attirare l'attenzione degli esaminatori e avere l'opportunità di essere chiamati per un colloquio conoscitivo è necessario studiare con attenzione il proprio curriculum e compilarlo in modo funzionale, ma soprattutto corretto ed efficace.

Per aiutarti a presentarti al meglio ti elenchiamo i 10 errori da evitare assolutamente quando scrivi il tuo CV!

  • Ordine, ordine, ordine!
    Evita il disordine suddividendo il tuo CV in sezioni. Nella prima scrivi il tuo nome e cognome, il tuo indirizzo, il tuo numero di telefono e indirizzo e-mail. Nella seconda sezione inserisci le informazioni sui tuoi studi dal più recente al più vecchio. Nella terza le eventuali esperienze lavorative. Nell’ultima sezione spiega le tue competenze e parla dei tuoi interessi.
  • Non mentire
    Sii sincero, non inventarti competenze o esperienze che non hai accumulato. Chi ti farà il colloquio riuscirà a scoprire se ciò che hai scritto è vero.
  • Non dilungarti troppo
    La chiave è la sintesi! Descrivi le tue competenze con frasi brevi, non scrivere lunghi paragrafi sulle tue esperienze: i responsabili delle risorse umane devono poter leggere il tuo curriculum in pochissimo tempo, altrimenti perderanno interesse.
  • Inserisci informazioni utili
    Inserisci le esperienze che possono essere rilevanti per l’azienda. Ad esempio, se cerchi lavoro come ingegnere, evita di inserire il lavoretto come Babbo Natale che hai fatto qualche anno prima.
  • Non inventare interessi che non hai
    Mostrare di avere degli interessi e degli hobby può aiutare, ma hobby come “fare sport” o “leggere” sono molto generici e poco rilevanti. Scrivi cose più specifiche e che diano un’idea della tua personalità.
  • Non essere spavaldo
    Devi promuoverti bene, ma non esagerare! Evita frasi in cui descrivi quanto sei bravo ed efficiente.
  • Non adulare
    Mostra di conoscere l’azienda, ma evita di inserire apprezzamenti adulatori che possono sembrare esagerati.
  • Evita gli errori
    Errori grammaticali, refusi e frasi sgrammaticate danno una brutta impressione. Rileggi sempre il tuo curriculum, magari aspettando un po’ fra una lettura e l’altra, così gli errori ti salteranno all’occhio. Se puoi fallo leggere anche a qualcun altro.
  • Non scrivere un solo curriculum
    Non inviare a tutte le aziende lo stesso curriculum, ma creane alcune copie adattandolo a ciò che viene richiesto nelle singole offerte di lavoro. Così potrai dare più evidenza alle competenze che la singola azienda sta cercando in te.
  • Non essere impaziente
    Una volta inviato il CV munisciti di pazienza e aspetta che sia l’azienda a contattarti. Non tempestarla di email e telefonate. Se è interessata al tuo curriculum sarà lei a contattarti.

Leggi anche: