10 corsi di laurea in cui si studia la gastronomia italiana

La gastronomia italiana è una vera e propria eccellenza. Ecco quali sono i maggiori 10 corsi di laurea in cui si studia

10 corsi di laurea in cui si studia la gastronomia italiana
getty-images

10 corsi di laurea in cui si studia la gastronomia italiana

Fonte: getty-images

Il patrimonio eno-gastronomico del nostro Paese è un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Sono tante le nuove figure professionali specializzate proprio nella valorizzazione dei cibi e dei piatti protagonisti della gastronomia italiana. Ma come ci si può specializzare in una branca di questo tipo? Avviando un percorso di studi incentrato proprio sulla conoscenza della gastronomia italiana. Curiosi di scoprire quali sono le principali facoltà da prendere in considerazione? Ecco a voi 10 corsi di laurea in cui si studia gastronomia italiana!

 

Corsi di laurea in cui si studia la gastronomia italiana

Promozione del Made in Italy, conoscenza della filiera produttiva, valorizzazione del patrimonio enogastronomico, sono solo alcune delle competenze che chi si iscrive a un corso di laurea in cui si studia gastronomia italiana può acquisire. Una formazione variegata che dà modo al laureato di poter lavorare in vari ambiti, dal brand management al turismo ricettivo, dal commercio alle consulenze aziendali. Attualmente, sono diversi, nel nostro Paese, gli atenei tradizionali e online che erogano corsi di laurea in cui si studia gastronomia italiana. Andiamo a vederli nel dettaglio, analizzando i plus di ognuno di loro.

Scienze gastronomiche

Il primo corso di laurea di cui vogliamo parlarvi è la facoltà di Scienze Gastronomiche dell’Unisg di Pollenzo. Si tratta del primo corso interdisciplinare di scienze gastronomiche al mondo e ha un altro primato importante. Quale? Quello di essere sostenuto dall’autorevole Slow Food, l’associazione no profit di profilo internazionale, nata in Italia, che promuove il piacere del cibo e la sua valorizzazione. Proprio da questa partnership nasce il Pollenzo Food Lab, un laboratorio di ricerca tutto dedicato allo studio e alle trasformazioni gastronomiche. Un percorso affascinante, multidisciplinare e ricco di esercitazioni pratiche, volto a formare i futuri esperti di del settore agroalimentare ed eno-gastronomico.

 

 Scienze, culture e politiche della gastronomia

E che dire di Scienze Culture e Politiche della Gastronomia? Anche in questo caso, parliamo di un corso di laurea strutturato per fornire tutte le competenze necessarie a chi ha intenzione di avviare una carriera nel campo della gastronomia italiana. Questo corso di laurea, in particolare, è erogato da prestigiosi atenei pubblici. Alcuni esempi? Il corso in scienze e culture della gastronomia dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, che nel Campus di Cesena, presso il dipartimento di Scienze e tecnologie Agro-alimentari, forma ogni anno, centinaia di studenti appassionati del settore attraverso un piano di studi completo e multidisciplinare.

Il dipartimento di Medicina e Odontoiatria, Farmacia e Medicina dell’Università La Sapienza di Roma, eroga invece il Corso di Laurea in Scienze, culture e politiche gastronomiche per il benessere, incentrato sulla sostenibilità, la promozione della biodiversità e lo sviluppo di competenze relative alla conoscenza dei sistemi agroalimentari e enogastronomici. Ottimi anche i corsi in Scienze e cultura della gastronomia dell’Università degli Studi di Padova, presso la Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria e l’omonimo corso erogato dall'Università degli Studi della Tuscia.

Gastronomia, Ospitalità e Territori 

Gastronomia italiana è uno degli insegnamenti di base anche del corso di laurea in Gastronomia, Ospitalità e Territori. Un percorso triennale promosso, in particolar modo, da alcune delle università telematiche più apprezzate del nostro Paese.

Parliamo ad esempio dell’Università Mercatorum che propone un Corso di Laurea Online in Gastronomia, Ospitalità e Territori incentrato sul legame tra cibo e territorio e sulla promozione delle eccellenze. Sempre incentrato sulla valorizzazione del patrimonio gastronomico italiano, il corso di laurea in Gastronomia, Ospitalità e Territori dell’Università Telematica Pegaso, dà la possibilità agli studenti di poter optare anche per l’indirizzo “enologia e viticoltura”, in modo da poter approfondire ulteriormente le competenze riguardanti il settore vitivinicolo.

 

Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari

L’Università degli Studi di Perugia, l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, l'Università degli studi di Palermo, l'Università La Sapienza di Roma, l'Università degli Studi di Milano, sono solo alcuni dei maggiori atenei italiani che propongono corsi di laurea in scienze e tecnologie agro-alimentari. Questa facoltà ha l’obiettivo di formare i professionisti del settore food&wine di domani, con un occhio di riguardo alla sostenibilità e alla risoluzione dei problemi riguardanti la filiera produttiva del panorama gastronomico italiano e non solo.

 

 

Scienze economiche e sociali della gastronomia

Ai percorsi triennali di cui abbiamo appena parlato, si affiancano ottimi percorsi magistrali, come ad esempio il corso di laurea magistrale in Scienze Economiche e Sociali della Gastronomia. Telematiche o tradizionali, le università che prevedono questo tipo di corso, vanno dall’Università di Parma con il corso Economia e Management dei Sistemi Alimentari Sostenibili all’Università degli Studi di Udine con Scienze economiche e sociali della gastronomia. E ancora, Sustainable Food Innovation & Management dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Management delle scienze gastronomiche per il benessere dell’Università La Sapienza.

 

Scienze Gastronomiche Mediterranee

Siete particolarmente interessati alla cultura gastronomia dell’area del Mediterraneo? Allora dovreste prendere in considerazione l’idea di iscrivervi al corso di Scienze Gastronomiche Mediterranee. Chi lo eroga? L’Università degli Studi di Napoli Federico II, presso il dipartimento di agraria. Si tratta del primo corso di laurea incentrato proprio sulla promozione della cultura del cibo del Mediterraneo e si pone come un prestigioso corso di nicchia volto alla valorizzazione di un patrimonio così prezioso e peculiare.

Scienze e tecnologie della ristorazione

Le innovazioni tecnologiche legate alla filiera produttiva dei cibi vi affascinano? Scienze e tecnologie della ristorazione è una delle facoltà da prendere in considerazione per il vostro futuro. L’Università di Catania, l’Università degli Studi di Milano, l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, sono solo alcuni dei maggiori atenei italiani che propongono un’offerta formativa focalizzata proprio sull’acquisizione delle competenze in materia di preparazione alimentare nella ristorazione, fornendo una solida base tecnico-scientifica oltre che numerose skills trasversali e multidisciplinari.

Made in Italy, Cibo e ospitalità

La valorizzazione del Made in Italy non può prescindere da una salda base di conoscenze mirate ed è proprio seguendo questo pensiero che nasce il corso di laurea triennale in Made in Italy, Cibo e ospitalità. Chi lo eroga? L’Università per Stranieri di Perugia, presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali.

I principali sbocchi professionali di una laurea di questo tipo? Specialista del turismo gastronomico, esperto di import-export alimentare, consulente del settore food&wine e in generale tutti quei profili legati alla valorizzazione del patrimonio enogastronomico del Made in Italy.

Scienze dell’alimentazione e gastronomia

Numerose sono le università telematiche che propongono, nella loro offerta formativa, il corso di laurea triennale in Scienze dell'alimentazione e gastronomia. Alcuni esempi? L'Università Telematica San Raffaele di Roma, con un percorso trasversale focalizzato sia sulla sicurezza degli alimenti che sul brand management, l'Università Telematica Pegaso incentrata su quattro aree disciplinari complementari e l'Università Mercatorum 

Tecnologie e gestione dell’impresa casearia

E chiudiamo la nostra top 10 dedicata ai corsi di laurea in cui si studia la gastronomia italiana, con il corso in Tecnologie e gestione dell’impresa casearia. Tra i principali atenei che lo erogano troviamo, l’Università degli Studi di Parma e l’Università degli Studi di Milano, entrambe promosse dal CREA - Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. Un corso che prevede l’acquisizione di solide basi tecniche e tecnologiche in materia di zootecnica, benessere dell’animale e analisi degli standard qualitativi dei prodotti caseari, protagonisti assoluti del patrimonio gastronomico italiano.

 

Leggi altri contenuti su corsi di laurea in gastronomia

Come diventare una guida turistica
Guida ai corsi di laurea di carattere enogastronomico

Un consiglio in più