Come diventare Wedding Planner

Di Valeria Roscioni.

Sogni di diventare Wedding Planner come Enzo Miccio? Ecco come iniziare e i corsi da seguire

COME DIVENTARE WEDDING PLANNER – Quali sono i corsi da frequentare? Da dove bisogna iniziare? Queste sono le domande più frequenti a cui coloro che vogliono diventare Wedding Planner devono riuscire a rispondere nel miglior modo possibile. Organizzare un matrimonio come fa Enzo Miccio in TV, infatti, può sembrare un lavoro meraviglioso da svolgere circondati da cose bellissime (e probabilmente lo è!), ma nella realtà non è tutto oro ciò che luccica e per riuscire ad affermarsi occorre acquisire le giuste competenze ed essere da subito molto competitivi.

Come diventare Wedding Planner: la guida passo dopo passo

WEDDING PLANNER: I CORSI – Distinguersi dalla massa e sbaragliare così la concorrenza, non a caso, sta diventando fondamentale, soprattutto dato che negli ultimi anni gli esperti di matrimoni stanno aumentando sempre più al punto che probabilmente l’offerta supererà nettamente la domanda. Per sopravvivere in questa giungla, dunque, occorre spiccare per bravura e, magari, anche pervia di qualche competenza in campi particolari.

Offerte di lavoro - Tante opportunità nel Cerca Lavoro

Proprio per questo occorre riuscire a seguire i corsi giusti e specializzarsi in modo da ottenere una preparazione degna di nota. Non sai come orientarti nel marasma dell’offerta formativa? Consulta la nostra GUIDA

Guarda anche: Come diventare wedding planner, il VIDEO con i consigli dell'esperta

WEDDING PLANNER: COME INIZARE – Superato l’ostacolo legato alla propria formazione occorre non perdere altro tempo ed iniziare subito a muovere i primi passi. Anche questa fase è molto delicata perché prevede investimenti non indifferenti sia di tempo che di denaro. Investimenti che devono essere ben calibrati dato che devono riuscire a farti conoscere al tuo target di riferimento (ovvero le coppie di sposi). È quindi molto importante non lanciarsi nella mischia in maniera troppo avventata sia per evitare di farsi cattiva pubblicità, sia per fare in modo di garantire alla propria attività una buona visibilità. Per sapere come muoverti, consulta la nostra guida, la trovi nella gallery qui sotto: