Controllo utente in corso...

Emancipazione femminile

Voto

durata 4:27

La condizione della donna nella società è passata attraverso notevoli modifiche nel corso dei secoli, a seconda dell’evoluzione politica e giuridica dei popoli, della diversità dei fattori geografici e storici e della sua appartenenza ai vari gruppi sociali.

Materia: storia Tipologia: Superiori-Università

L’inferiorità della donna sul piano giuridico, economico e civile e la sua esclusione da una serie di diritti e di attività erano motivate con ragioni in tutto o in larga parte prive di fondamento, come l’inferiorità fisica, l’emotività e la scarsa capacità logica, il ruolo predestinato di madre e di allevatrice della prole all’interno della famiglia e di esecutrice della faccende domestiche. La millenaria soggezione della donna aveva i suoi aspetti più evidenti nella subordinazione al capofamiglia e nelle limitazioni dei suoi diritti legali. La donna infatti non soltanto era discriminata rispetto ai maschi nelle successioni ereditarie, ma non poteva amministrare il suo eventuale patrimonio personale o la propria dote, né contrarre obblighi giuridici, senza il consenso del padre o del marito, e non poteva ricoprire cariche pubbliche.

La coscienza dell’esistenza di una “questione femminile”

, cioè di uno stato di subalternità della donna rispetto all’uomo non voluto dalla natura ma formatosi nel corso della storia, cominciò a nascere durante la Rivoluzione francese. Negli anni rivoluzionari, sull’onda delle idee di libertà, eguaglianza e progresso, si organizzarono per la prima volta gruppi di donne che chiedevano l’emancipazione e l’elevazione giuridica e politica del loro sesso. Dopo la Rivoluzione francese, il Codice Napoleone del 1804 ampliò la sfera dei diritti delle donne: venne così concesso loro di mantenere il proprio cognome anche in caso di matrimonio e di esercitare autonomamente attività commerciali, e fu abolita la disparità di trattamento nella divisione per eredità del patrimonio familiare. Ma neppure l’organica raccolta di disposizioni del Codice Napoleone eliminò la situazione di inferiorità dell’universo femminile. La donna, anche se sposata, continuò a restare per molti aspetti sotto la tutela maschile: non poteva intraprendere azioni giudiziarie senza l’autorizzazione del marito, e neppure poteva donare, vendere, acquistare beni senza l’assenso scritto del coniuge.

Soltanto dalla metà dell’Ottocento l’azione per porre fine all’oppressione femminile e per la piena eguaglianza delle donne rispetto agli uomini acquistò un carattere organizzato e di massa. A partire dai paesi anglosassoni si formarono movimenti guidati e formati da donne che reclamavano la piena parificazione giuridica, il diritto di voto, la possibilità di frequentare tutti i tipi di scuola e le università e di accedere alle professioni sino ad allora riservate ai soli maschi. La spinta iniziale all’azione femminista venne da donne appartenenti alla borghesia, fornite di un buon livello culturale e legate ai movimenti politici democratici e radicali. Dalla fine dell’Ottocento, grazie all’impegno dei socialisti, le idee di emancipazione cominciarono a penetrare anche nel mondo delle lavoratrici, che iniziarono a discutere il problema della parità di retribuzione a parità di lavoro. Sul terreno della conquista della parità elettorale una prima battaglia fu vinta negli Stati Uniti dalle donne del territorio del Wyoming, che nel 1869 ottennero il diritto di voto nelle elezioni politiche, esteso successivamente a molte altre parti del paese, dove nel 1920 tutte le donne godevano del suffragio politico.

Più dura e contrastata fu la lotta sostenuta dalle donne che si battevano per la conquista del voto in Inghilterra, le “suffragette”. Le donne inglesi avevano ottenuto nel 1869 il suffragio amministrativo; ma i governi britannici si opposero a lungo alla concessione del voto politico. Le suffragette dal 1905 intensificarono la loro azione, che a volte assunse aspetti violenti: nel Novembre 1911, per reazione a una brutale carica della polizia, le militanti femministe fracassarono vetrine di negozi, distrussero dei vagoni merci e intasarono di marmellata le cassette postali. La “grande guerra”, durante il quale le donne diedero un importante contributo alle attività produttive dei paesi belligeranti, accelerò il cammino per la conquista della parità politica. Nel 1918, le donne inglesi conseguirono il diritto di voto politico, seguite nel 1919  da quelle della Germania e di altri Stati europei; mentre in Francia e in Italia le donne conquisteranno il suffragio soltanto nel 1945, dopo la conclusione della seconda guerra mondiale.

Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di storiavedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Emancipazione femminile ...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti