La violenza sulle donne

Voto

durata 3:16

Tra gli argomenti di cui si parla maggiormente in questo periodo c'è quello della violenza sulle donne, che quasi quotidianamente apre i titoli di giornali e telegiornali. In quasi tutte le società tradizionali le donne rispetto agli uomini hanno sempre vissuto situazioni di subordinazione e discriminazione.

Materia: italiano Tipologia: Superiori

L'istruzione fino a non troppo tempo fa era limitata all’apprendimento di abilità domestiche, non avevano accesso a nessuna posizione di potere ed il matrimonio è stato quasi sempre considerato un mezzo necessario per garantire alla donna sostegno e protezione. Nel diritto romano la moglie era un vero e proprio “possesso del marito”; in quanto tale, la donna non godeva del controllo giuridico né della sua persona, né dei suoi figli, né delle sue terre, né dei suoi soldi. Anche durante il Medioevo, il diritto feudale prevedeva che la terra si tramandasse per discendenza maschile. Le eccezioni nell’antica Babilonia e nell’antico Egitto, dove le donne godevano dei diritti di proprietà, e a Sparta, dove amministravano di fatto l’economia, furono dunque fenomeni isolati.

Nel novecento nei paesi industrializzati la donna sembra aver definitivamente raggiunto l’uomo nei diritti sulla carta

. Nel concreto, però, forme di violenza fisica, psicologica ed economica non si sono estinte e restano una piaga della società di cui le donne sono le uniche vittime. La metà delle donne che si rivolgono ai centri per denunciare episodi di violenza si ritengono non autosufficienti dal punto di vista economico e questo dato è tanto più negativo se si pensa che è spesso lo stesso partner ad usare violenza.

Le violenze avvenute ultimamente nel nostro paese mettono l'accento sul fatto che registi di questi fatti sono gli immigrati quando in realtà solo il 10% degli stupri è da attribuirsi a loro. Questo accade perché alcune notizie vengono strumentalizzate, portando alla creazione di stereotipi. Ed ecco nascere un clima di tensione e xenofobia, con ronde di cittadini che si organizzano per pattugliare le strade della propria città e le aggressioni a stranieri che con i fatti criminali non centrano nulla.

Per far fronte a quella che per molti sta diventando un'emergenza di sicurezza è necessario aumentare  le risorse alle forze dell'ordine, le uniche preparate e predisposte a fronteggiare con professionalità situazioni di questo tipo, e non lasciare che siano i cittadini, spesso non preparati e troppo coinvolti psicologicamente. È altresì importante dare visibilità alle strutture in grado di fornire assistenza alle vittime della violenza. Se le violenze si consumano in privato è difficile che vengano denunciate, per questo sono indispensabili campagne di sensibilizzazione al problema e aiuti più concreti verso chi ha il coraggio di denunciare il proprio aguzzino.

Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di italianovedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

4
Commenti

@ Classe 1 M lunedì, 25 novembre 2013

AKA 1° M itis Viterbo

ABBIAMO CAPITO, CRISTO SANTISSIMO, ABBIAMO CAPITO!!!!!!!!!!
(Il testo del commento è composto dalla maggior parte di lettere maiuscole: questo equivale ad urlare e non è consentito.)
FOTTITI!

n° 4
Classe 1 M lunedì, 25 novembre 2013

Violenza contro le donne

La classe 1 M partecipa alla gionata mondiale contro le donne dicendo NOI NO

n° 3
1° M itis Viterbo lunedì, 25 novembre 2013

Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne.

La classe 1°M dell’itsst Leonardo Da Vinci di Viterbo partecipa alla Giornata contro la Violenza sulle donne, per dire Basta e come la Regione Lazio scrive “Noi No”!

n° 2
Classe 1 M lunedì, 25 novembre 2013

Violenza sulle donne

La classe 1 M partecipa alla gionata mondiale contro le danno dicendo NOI NO

n° 1
Chiudi
Aggiungi un commento a La violenza sulle donne...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti