Alessandro Mazzini presenta la poetica di Alessandro Manzoni ripercorrendone l'epistolario

Voto

durata 29:14

Materia: italiano Relatore: Alessandro Mazzini In collaborazione con Oilproject
Tramite l'analisi di tre lettere scritte in fasi differenti (a Claude Fauriel nel 1814, a Giorgio Briano nel 1848 e ad Emilio Broglio nel 1860), il professor Mazzini presenta il comportamento di Manzoni nella politica del tempo, utile per capire il modo che l'autore aveva di relazionarsi a tutta la realtà. Nel 1814 Manzoni aggiorna l'amico Claude Fauriel sulla situazione di Milano dopo la caduta del regime napoleonico: in particolare, si sofferma sull'analisi della reazione all'evento da parte del popolo, che aveva comportato l'uccisione del ministro delle finanze Giuseppe Prina. Manzoni esprime tutto il suo sgomento e riserbo verso i comportamenti "di massa", ritrovabili anche nei Promessi Sposi; nei confronti, cioè, di comportamenti che, seppur mossi da spinte legittime e giuste, vengono travolti dalla passione e degenerano in atti ingiustificabili. Lo stesso tipo di problema viene posto nella lettera a Giorgio Briano del 1848, in cui Manzoni motiva il rifiuto della nomina al Parlamento subalpino in cui era stato eletto: egli crede di non essere abile nell'arte del compromesso politico di conciliazione tra piano ideale e piano realmente concretizzabile e praticabile. Manzoni vive il conflitto tra il "fattibile", che non lo soddisfa, e il dover essere ideale, molto spesso irrealizzabile, in un modo che lo immobilizza rispetto alla possibilità di intervenire sulla situazione politica italiana, benchè essa susciti il suo interesse. Nella lettera a Emilio Broglio risalente al 1860, Manzoni è eletto al Senato e confessa le proprie indecisioni giustificandole con motivazioni più personali, come la paura degli spazi aperti e delle reazioni nevrotiche che gli impediscono di avere un atteggiamento sciolto nei confonti degli altri.

Tramite l'analisi di tre lettere scritte in fasi differenti (a Claude Fauriel nel 1814, a Giorgio Briano nel 1848 e ad Emilio Broglio nel 1860), il professor Mazzini presenta il comportamento di Manzoni nella politica del tempo, utile per capire il modo che l'autore aveva di relazionarsi a tutta la realtà. Nel 1814 Manzoni aggiorna l'amico Claude Fauriel sulla situazione di Milano dopo la caduta del regime napoleonico: in particolare, si sofferma sull'analisi della reazione all'evento da parte del popolo, che aveva comportato l'uccisione del ministro delle finanze Giuseppe Prina. Manzoni esprime tutto il suo sgomento e riserbo verso i
comportamenti "di massa", ritrovabili anche nei Promessi Sposi; nei confronti, cioè, di comportamenti che, seppur mossi da spinte legittime e giuste, vengono travolti dalla passione e degenerano in atti ingiustificabili. Lo stesso tipo di problema viene posto nella lettera a Giorgio Briano del 1848, in cui Manzoni motiva il rifiuto della nomina al Parlamento subalpino in cui era stato eletto: egli crede di non essere abile nell'arte del compromesso politico di conciliazione tra piano ideale e piano realmente concretizzabile e praticabile. Manzoni vive il conflitto tra il "fattibile", che non lo soddisfa, e il dover essere ideale, molto spesso irrealizzabile, in un modo che lo immobilizza rispetto alla possibilità di intervenire sulla situazione politica italiana, benchè essa susciti il suo interesse. Nella lettera a Emilio Broglio risalente al 1860, Manzoni è eletto al Senato e confessa le proprie indecisioni giustificandole con motivazioni più personali, come la paura degli spazi aperti e delle reazioni nevrotiche che gli impediscono di avere un atteggiamento sciolto nei confonti degli altri.
Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di italianovedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Alessandro Mazzini presenta la poetica di Alessandro Manzoni ripercorrendone l'epistolario...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti