Controllo utente in corso...

Sartre- scheda

Voto

Scelta, libertà, angoscia e responsabilità in Sartre. (4 pagg., formato word)

Materia: filosofia

Untitled 11. Scelta, libert?angoscia e responsabilit?u> Sartre procede ad un'analisi pignola del per-s?della coscienza. Il per-s? legato all'in-s?nel senso che lo fonda nullificandolo, lo fa essere negandolo come in-s?Ci?a dell'in-s?ella coscienza, sia dell'in-s?egli enti extracoscienziali. ?lo stesso per-s?he determina costantemente se stesso a non essere l'in-s?Il che significa che il per-s?on pu?ocedere a fondare se stesso che a partire dall'in-s? contro l'in-s?La nullificazione... rappresenta il legame originale fra l'essere del per-s? l'essere dell'in-s? (L'essere e il nulla) Il per-s? l'origine della negazione, e sussiste per e attraverso la negazione. Il per-s?come fondamento di s?coincide col sorgere della negazione. Esso si fonda in quanto nega di s?n certo essere o una certa maniera d'essere. Sappiamo che ci?e esso nega o
nullifica ?'essere in s?Ma non un qualunque ed astratto essere in-s?la realt?mana ?n primo luogo il suo proprio nulla. Ci?e essa, in quanto per-s?nega o nullifica di s?non pu?sere che s?E poich?ssa ?ostituita nel suo senso da questa nullificazione, ne viene che ?l s?ome «essere in-s?ancato» ci?e costituisce il senso della realt?mana. (L'essere e il nulla) Evidentemente la nullificazione non ?'annientamento che produce il dileguarsi, la scomparsa dell'essere. La coscienza nega se stessa, ma come in-s?nega cio? il carattere di identit?on s?di immobilit?di «pienezza di s?che caratterizza ogni in-s?La coscienza nega l'essere extracoscienziale non nel senso che lo fa scomparire, ma nel senso che ne nega il suo «essere in s? la sua «estraneit?rispetto ad essa, il suo «stare oltre» la coscienza. Sicch?a coscienza ?efinibile pure come ci?e trascende se stesso negando la trascendenza dell'in-s? Nel trascendere se stessa, cio?el nullificare s? l'in-s?la coscienza attua la sua libert?anzi la libert? la condizione implicita della nullificazione, e, per la coscienza, la condizione d'essere se stessa. Sulla base di questi presupposti teorici Sartre delinea il suo esistenzialismo. L'uomo ?oscienza, trascendimento continuo di s?la sua esistenza consiste in questo trascendersi continuo; egli non «?qualcosa, ma «diviene» sempre; nella sua vita non esplicita un'essenza prefissata, ma la costruisce via via. In tal senso, contrariamente a quanto - egli dice - si ?ostenuto finora in filosofia, l'esistenza precede l'essenza. In termini filosofici, ogni oggetto ha un'essenza e un'esistenza. Un'essenza, cio?n assieme costante di propriet?un'esistenza, cio?na certa presenza effettiva nel mondo. Molti credono che prima venga l'essenza e poi l'esistenza... Tale idea trova la sua origine nel pensiero religioso... E per tutti coloro i quali credono che Dio crei gli uomini, bisogna pure ch'egli l'abbia fatto riferendosi all'idea che aveva di loro. Ma anche quelli che non hanno la fede hanno conservato l'opinione tradizionale secondo cui l'oggetto non esisteva mai se non in conformit?on la sua essenza; e l'intero XVIII secolo ha pensato che vi era u
Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di filosofiavedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Sartre- scheda...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti