Controllo utente in corso...

Benedetto Croce.

Voto

Vita e pensiero del filosofo. (3 pg - formato word)

Materia: filosofia

BENEDETTO CROCE BENEDETTO CROCE E' un neoidealista: riprende tematiche hegeliane, rielaborandole. E' controcorrente rispetto ai tempi: non comprenderà la cultura scientifica ma si occuperà di storia, spirito, assoluto. Nasce nel 1866 in Abruzzo; perde la famiglia in un terremoto e va a Roma dagli zii, gli Spaventa, famiglia di buona tradizione culturale. Inizia gli studi di giurisprudenza, e si interessa di storia. Nel 1893 scrive “La storia ridotta sotto il concetto dell'arte”, che sarà poi riscritto completamente non solo nella forma linguistica, ma soprattutto nella sostanza, apportando notevoli cambiamenti: la storia è prima definita intuitiva, poi verrà detto l'opposto. Si accosta agli scritti di Marx, e, tra i maggiori esponenti del marxismo, incontra Labriola. Croce scrive quindi “Materialismo storico
ed economie marxiste” ispirandosi a Marx; tuttavia Croce non comprenderà mai a fondo il marxismo: capirà solo che il marxismo valorizza molto l'economia. La riflessione sui problemi artistici è invece centrale: lo studio dell'arte è fondamentale, l'arte è una fenomenale espressione umana; tra le opere sull'arte più importanti c'è “Breviario di estetica” del 1913. Queste riflessioni le inserisce tutte in una visione della realtà che è la prospettiva hegeliana: Croce scrive infatti un saggio su “Ciò che è vivo e ciò che è morto” di Hegel; criticava alcune parti me ne elogiava altre. Di Hegel ha apprezzato molti aspetti come: realtà è uno spirito che diviene; c'è una forza spirituale. Però per Croce c'è stato un abuso: un uso eccessivo della dialettica; per Hegel infatti tutto il percorso dello spirito è un percorso dialettico, con continue mediazioni. Secondo Croce nel dinamismo dello spirito non ci sono solo mediazioni dialettiche: la realtà non è fatta solo di opposti , ma è fatta altresì di distinti, che Hegel ha interamente disconosciuto ed ha trattato alla stregua degli opposti. Così ad esempio fantasia ed intelletto sono distinti e non opposti, e analogamente l'attività economica e l'attività morale sono distinti e non opposti. Insomma, nello spirito vi sono “categorie” che si distinguono e che per nessuna ragione è lecito trattare a guisa di opposti. Secondo Croce la nuova dialettica dovrà essere “nesso di distinti”, oltre che “sintesi di opposti”. Il pensiero crociano può essere rappresentato da una circonferenza divisa in quattro parti: la semi circonferenza superiore è lo SPIRITO TEORETICO, la semi circonferenza inferiore è lo SPIRITO PRATICO. La semi circonferenza di sinistra è il MOMENTO INDIVIDUALE, la semi circonferenza di destra è il MOMENTO UNIVERSALE. La vita dello spirito alterna momenti teoretici e momenti pratici. In ciascuno dei due momenti , universale e individuale, ci sono particolari espressioni universali e personali. Per Hegel ogni tappa dello spirito era dialettica. Per Croce le posizioni sono distinte e non hanno conflittualità dial
Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di filosofiavedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Benedetto Croce....
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti