Il Barocco, Bernini e Borromini

Voto

Vita e opere dei grandi architetti e scultori dell'epoca. Lo stile barocco, Gian Lorenzo Bernini, Francesco Castelli, detto il Borromini...

Materia: arte

BAROCCO Lo stile barocco fiorì a Roma all'inizio del Seicento e si diffuse in varia misura in tutta Europa fino al diciottesim BAROCCO Lo stile barocco fiorì a Roma all'inizio del Seicento e si diffuse in varia misura in tutta Europa fino al diciottesimo secolo. Il termine barocco sembra che derivi dallo spagnolo barrueco e dal portoghese barocco che indicano una perla irregolare e non perfettamente sferica, detta in italiano scaramazza o anche da baroco che indicava un sillogismo artificioso della filosofia scolastica medievale, cioè un ragionamento confuso e impuro. La parola esprime un giudizio negativo, che si è attenuato solo verso la fine del Novecento. Infatti oggi il Seicento è stato rivalutato nei suoi effettivi valori, nelle sue
luci e nelle sue ombre. L'arte barocca è una rappresentazione, il cui scopo è quello di impressionare, commuovere, persuadere. Le opere dell'epoca sono generalmente caratterizzate da una teatrale esuberanza e dalla ricerca di un coinvolgimento emotivo dell'osservatore. Nella pittura religiosa si vedono spesso madonne e santi in un turbinio di vesti fluttuanti e nuvole vaporose da cui sbucano cherubini. Altrettanto popolari erano i temi mitologici, anch'essi trattati in forme esasperate. Nell'architettura si incontrano di frequente colonne a tortiglione, linee curve, capitelli corinzi. L'arte barocca nacque a Roma durante la Controriforma: la Chiesa tentò di rilanciare la religione Cattolica dopo gli scismi del protestantesimo (Controriforma) anche il campo artistico. Fu così che, soprattutto nel Nord-Italia, nacquero i Sacri Monti (per esempio quello di Varallo), come veri e proprio baluardi a difesa della vera fede. Il Concilio di Trento diede direttive anche agli artisti dell'epoca, soprattutto a Roma: nel tentativo di riportare il fedele all'amore per la Chiesa, si tentò di abbellirla sia interiormente (riforme al sistema diocesano e dei seminari) sia esteriormente (in campo artistico). Furono così costruite cappelle sontuosissime, con dipinti di Caravaggio e sculture di Bernini e Borromini: si faceva a gara in ricchezza di stucchi, legni pregiati e oro. La nobile famiglia Barberini spogliò la città di marmi e bronzi di epoca classica pur di far costruire a suo nome statue, cibori e baldacchini in quantità. Nel 1634 inizia l'attività indipendente, ricevendo dai trinitari scalzi l'incarico di costruire il loro convento e la chiesa di San Carlino alle Quattro Fontane. E' questo un capolavoro, se si tiene conto dell'esiguità dello spazio e della difficoltà di inserire una chiesa con oratorio in un quartiere con uno schema urbanistico residenziale: dovette inventarsi qualcosa di decorativo ma pratico, e allo stesso tempo dignitosamente elegante, dato che si trovava su una via di passaggio.Il Borromini contrappone la curva concava a quella convessa. Si avverte nella facciata una tensione nervosa, per la profilatura tagliente delle cornici ondulate. All'interno rivela tutta la carica innovatrice del suo autore, ch
Leggi il testo completo della videolezione »


Altre video lezioni di artevedi tutte

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Il Barocco, Bernini e Borromini...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Carica un appunto Home Appunti