Natale e Capodanno, due cuori e una baita aspettando il 2011

Passare Natale o Capodanno in dolce compagnia in una baita di montagna, accucciati davanti al camino, in un'atmosfera romantica e lontano da tutti? E' una bellissima esperienza da fare per "ricaricare le pile" e ritrovarsi nella magica atmosfera della tradizione natalizia alpina. Ecco come muoversi per passare le Feste in modo davvero diverso

di Sara Granata 31 maggio 2007

Il Trentino offre, senza dubbio, numerosi itinerari da scoprire, tra paesaggi di incomparabile bellezza, e luoghi da percorrere a cavallo, in mountain bike o sciando.
Arrivarci non è difficile. Io sono partita da Roma in dolce compagnia, lo scorso Natale, all'alba, per arrivare nel pomeriggio a Bolzano, e raggiungere dopo 25 km l' Alpe di Siusi, un bellissimo altopiano circondata dalle Dolomiti, punteggiato da malghe che d'inverno si copre di neve per diventare uno dei posti più belli dove sciare.

Non c'è niente di più bello che arrivare, dopo un lungo viaggio, tutti infreddoliti, in una tipica casetta in sassi e legno dove ci accoglie il simpatico locatore, che per l'occorrenza ha acceso il fuoco e ci ha preparato 2 punch....la serata si prospetta all'insegna del rilassamento più assoluto..dobbiamo recuperare le forze per l'indomani.

Al risveglio, dopo un'abbondante colazione a base di strudel di mele, e la mitica Kaiserschmarren, una frittata con zucchero a velo ricoperta di marmellata di mirtilli rossi, si parte per un'escursione alla scoperta di questo posto incantato.
L'ideale per girarlo è naturalmente usare gli sci, ma io oggi non sono in vena di affaticarmi troppo, per cui opto per una passeggiata suggestiva su di una romantica slitta trainata da cavalli...un vero spasso.
La serata, a lume di candela, è l'occasione ideale per parlare un pò e rilassarsi, davanti ad un bicchiere di vino, e allo Zelten, il dolce tipico del Natale trentino, fatto con noci, mandorle e frutta secca candita...una vera delizia ipercalorica.

L'indomani decidiamo di andare a visitare il Rudere di Castelvecchio , una rocca eretta nel XII secolo e i curiosi Sedili delle streghe , 2 blocchi di pietra a forma di sedile, di cui non si conosce l'origine. Forze magiche avvolgevano questa zona già dai tempi antichi; la caccia alle streghe ha funestato queste valli con processi e condanne a morte di quante venivano accusate di essere streghe o "tempestarie", di causare cioè tempeste e rovinare il raccolto.

La passeggiata ci ha messo fame, per cui ne approfittiamo per assaggiare le specialità gastronomiche del posto. Fate attenzione però, poiché, dal momento che questa è una zona bilingue, potreste trovarvi dinanzi ad un menu scritto in tedesco; per cui vi conviene conoscere un pò in anticipo quelli che sono i piatti tipici del Tirolo : il goulash che non è altro che uno spezzatino di carne; il grostl , un piatto dalle origini molto antiche,si tratta di pezzetti di carne e prosciutto rosolati con patate ed uova; i knodel , che sono preparati con pane, speck, uova, latte, farina e spezie, buonissimi .
Altra specialità che vi consiglio è sicuramente lo speck , a base di carne suina, che viene servito sul tradizionale piatto di legno. Inoltre, se siete abituati a mangiare col pane in tavola, sappiate che questa non è un'abitudine tirolese...se lo volete dovete chiederlo espressamente.

Se volete soggiornare in Alto adige, avete diverse possibilità di sistemazione.
Potete scegliere miniappartamenti o residence, se avete soldi da spendere, altrimenti la sistemazione più economica e sicuramente più simpatica sono i rifugi , quasi tutti tra i 1000 e i 2000 metri di quota. Si tratta di piccole case raggiungibili di solito dopo un lungo percorso attraverso boschi e sentieri, quindi adatte a chi ama camminare. Spesso nei rifugi si dorme in più persone, occasione adatta se si vuole fare amicizia con altre persone amanti della montagna.

Se, invece, volete una vacanza romantica , da fare in 2, l'ideale sono le baite , strutture un tempo utilizzate come deposito per il fieno e ricovero per gli animali nella stagione dell'alpeggio, in seguito ristrutturate ad uso e consumo dei turisti. Ve ne sono di diverse tipologie, tutte con camino e, in alcuni casi, stufe in ghisa e barbecue.

I prezzi variano molto a seconda della stagione
L'affitto di una baita per un week-end può costare da 140 a 370 euro circa, mentre una settimana intera da 300 a 750 euro. Di solito nel prezzo è compreso il cambio della biancheria, i consumi e la pulizia finale.

In periodi di bassa stagione si possono spendere anche 200 € per 3 giorni e 2 notti in 4 persone, tutto compreso.In molti casi i proprietari di queste strutture organizzano anche escursioni con guide alpine professioniste, alla scoperta dei meravigliosi paesaggi delle Dolomiti oppure noleggiano slittini ai più pigri.

Se ci andate nel periodo natalizio vi conviene trovare una sistemazione non troppo lontana dai centri abitati più caratteristici, in modo da poter girare per i mercatini del posto, dove si possono trovare prodotti tipici dell'artigianato locale, dalle bambole di pezza alle candele, dagli addobbi natalizi agli oggetti in vetro e ceramica.

Se, poi, avete la disponibilità di un' auto, vi conviene girarli un pò tutti.....buone vacanze a tutti!

Link utili
> Baite di montagna sulle Alpi
In Piemonte, nel parco alpino dell'"Alpe Veglia"
> Vacanze in baita
Un sito con tante offerte
> La baita di Chapy
A Courmayeur, ai piedi del Monte Bianco
> Baite in Trentino
Agenzia online con offerte e foto per scegliere
> Mas de la Bolp
In Trentino, nella valle di Valorz

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

11
Commenti

Pagina 1 di 2:
1 2 > »
Lale mercoledì, 15 dicembre 2010

congratulazioni

a cosa serve giocare alla giornalista della lonely plaet se poi non metti indicazioni di dove è questo posto?

n° 7
dilum martedì, 21 settembre 2010

baita romantica

gentilmente potete mettere l'indirizzo di questo posto?? è stupendo ma se non mettete l'indirizzo è difficile andarci

n° 6
giovanna martedì, 1 dicembre 2009

baita trentino

Posso sapere l'indirizzo di questa baita?
Grazie

n° 5
paola martedì, 1 dicembre 2009

R: baita trentino

> Posso sapere l'indirizzo di questa baita? Grazie
No! prego

siry domenica, 29 novembre 2009

wow

molto bello questo posto

n° 4
novella martedì, 3 novembre 2009

aiutaci

Ciao, ma dove si trova questa baita??

n° 3
Chiudi
Aggiungi un commento a Natale e Capodanno, due cuori e una baita aspettando il 2011...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 2:
1 2 > »

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.11.26 alle 21:11:24 sul server IP 10.9.10.110