Orientarsi

Iscrizioni Università: quando e come iscriversi in Italia

Come iscriversi all'Università: la guida con scadenze, come si fa l'immatricolazione, test di orientamento e notizie relative ai test d'ingresso e alle facoltà a numero chiuso

di Barbara Leone 14 luglio 2016

ISCRIZIONI UNIVERSITA' 2016: LA GUIDA

Devi iscriverti all'Università ma non ti è molto chiaro come fare? Non hai ben capito come funziona l'immatricolazione, quali sono le scadenze da rispettare, se devi fare un test d'ingresso al numero chiuso e altro ancora? Niente panico: le procedure per iscriversi all'università possono confondere un po' chi è alle prime armi, ma la redazione di Studenti.it ha creato per te questa guida che ti aiuterà a capire come e quando iscriverti e quali sono i passi giusti da fare.

Iniziamo subito col dire che il primo passo fondamentale riguarda l'Orientamento. Può sembrare ovvio, ma per prima cosa devi capire qual è la Facoltà più adatta a te o, in caso tu abbia scelto un corso ad accesso programmato, quali sono le Facoltà alternative a cui vorresti iscriverti (in questo caso, infatti, è sempre meglio avere un buon piano B a cui fare riferimento in caso non riuscissi ad entrare nel numero chiuso)

Sei ancora indeciso? Test Orientamento Università Online 

 

Iscrizioni Università: guidaISCRIZIONI UNIVERSITA': I TEST A NUMERO CHIUSO

Una volta che ti sarai chiarito le idee sulla scelta della Facoltà adatta a te, prima di iscriverti devi verificare in quale macro area rientra il tuo corso di laurea. Le facoltà italiane, infatti, possono far parte di tre grandi gruppi:

  • Facoltà a numero aperto (a discrezione dei singoli atenei)
  • Facoltà a numero chiuso (a discrezione dei singoli atenei)
  • Facoltà ad accesso programmato a livello nazionale (alias: Medicina e Chirurgia, Professioni Sanitarie, Veterinaria, Architettura, Odontoiatria e Scienze della Formazione)

Ciascuna di queste tre tipologia ha scadenze e regolamenti propri che possono dipendere o dal Miur o dalle amministrazioni delle Università. Per saperne di più:

Devi affrontare il test d'ammissione? Test d'ingresso 2016: simulazioni online per tutte le facoltà

ISCRIZIONI UNIVERSITA' 2016/2017: COME ISCRIVERSI AL PRIMO ANNO

Per essere ammessi ad un corso di laurea, laurea magistrale a ciclo unico o a percorso unitario, è indispensabile essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale (il diploma di maturità, per intenderci) o di un titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto idoneo. Si possono iscrivere all'università anche gli studenti che hanno conseguito un diploma di durata quadriennale, che non prevede l’anno integrativo. In questo secondo caso lo studente dovrà colmare gli obblighi formativi richiesti dalla facoltà. La pre-iscrizione effettuata nel corso dell'ultimo anno di scuola non è valida a livello amministrativo, ma serve al Ministero e alle Università per fini statistici. Per iscriversi realmente è necessario presentare la domanda di iscrizione entro la data di scadenza pubblicata sul sito della Facoltà scelta o sul Manifesto degli Studi con tutti i Corsi di Laurea che ogni anno le varie Università pubblicano.

Hai bisogno di informazioni più specifiche? Orientamento Università: i contatti degli atenei più importanti

QUANDO ISCRIVERSI ALL'UNIVERSITA'- SCADENZE PER IMMATRICOLAZIONI 2016 E DOMANDE

Le date delle iscrizioni variano a seconda della facoltà prescelta e del fatto che il Corso di Laurea scelto sia a numero chiuso o ad accesso libero. In genere per i Corsi di Laurea ad accesso libero c'è più tempo per effettuare l'iscrizione e la scadenza può variare dalla fine di settembre all'inizio di novembre. E' sempre importante, quindi, una volta scelto il corso di laurea, informarsi sulla data di scadenza per l'immatricolazione, in modo da non arrivare troppo tardi.

Da non perdere: Tasse universitarie: la guida completa

COME ISCRIVERSI ALL'UNIVERSITA': IMMATRICOLAZIONI E TASSE

L'iscrizione effettiva generalmente viene fatta compilando dei moduli che si possono ritirare in segreteria studenti e negli uffici dell'Economato o, per molti atenei, si possono scaricare dal sito della facoltà scelta. Con i moduli per l'iscrizione vi saranno consegnati anche i moduli per l'autocertificazione della condizione economica (ISEE) in base alla quale verrà determinata l'entità delle tasse da pagare nell'arco dell'anno accademico. L'indicazione dell'Isee è obbligatoria per ottenere la riduzione delle tasse in base al reddito dichiarato. In caso contrario lo studente dovrà pagare la tassa più alta prevista dall'ateneo. L'atto dell'iscrizione avviene nei fatti pagando la tassa d'iscrizione, quella che in gergo studentesco viene chiamata la prima rata. Sempre all'atto dell'iscrizione bisognerà pagare la tassa regionale per il Diritto allo Studio.

Entro la data di scadenza per l'immatricolazione è necessario consegnare tutti i documenti richiesti in segreteria e allegare il diploma della scuola superiore o il certificato sostitutivo. Molte università hanno attivato sportelli di orientamento che aiutano le matricole nello svolgimento delle procedure di iscrizione.

Leggi anche: Borse di studio 2016: i bandi

COSA FARE PER ISCRIVERSI AGLI ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO

Per tutti gli studenti che si devono iscrivere ad un anno successivo al primo, per effettuare l'iscrizione è necessario pagare la tassa universitaria annuale, eventuali arretrati e la tassa regionale per il diritto allo studio e dichiarare nuovamente il proprio Isee.

In genere il pagamento della tassa di iscrizione per gli anni successivi al primo avviene tra il mese di luglio ed il mese di novembre (ma in alcune Università la data di scadenza è anticipata a settembre). E' importante quindi informarsi sul termine ultimo per effettuare il pagamento della rata universitaria. Il modulo per il pagamento della prima rata si può generalmente scaricare dal sito della propria università. Gli studenti non in regola con i pagamenti non possono sostenere esami di profitto durante l'anno accademico. La rata di iscrizione si può pagare anche dopo la data di scadenza, in questo caso però alla rata verrà applicata una sovrattassa per il ritardo nel pagamento.

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.08.26 alle 01:33:20 sul server IP 10.9.10.107