Vuoi trovare lavoro dopo la laurea? Ecco in quali atenei iscriverti

Si è svolto l'8 marzo presso l'Università La Sapienza di Roma il convegno che ha presentato il XIV rapporto Almalaurea sulla situazione occupazionale dei laureati. I dati che emergono non sono del tutto sconfortanti, anche se cresce sempre di più la precarietà

di Valentina Vacca 9 marzo 2012
Il consorzio universitario Almalaurea ha presentato il XIV rapporto sulla situazione occupazionale di 400 mila laureati in Italia. Sono stati presi in considerazione i dottori che hanno conseguito il titolo presso le università italiane che hanno sottoscritto l'accordo con Almalaurea.

A nostro parere la situazione dei laureati non è così negativa, specialmente per quanto riguarda i dottori dei Politecnici di Bari e Torino e per le università di Padova e Venezia. Ciò che preoccupa invece è la precarietà: le percentuali dei ragazzi laureati che hanno un lavoro stabile è pressoché bassa, specialmente per quanto riguarda le università del sud Italia.

TEST: SEI PIU' ADATTO A UN PICCOLO O A UN GRANDE ATENEO? Clicca qui>>


Nella tabella sottostante abbiamo preso in considerazione le percentuali riportate da Almalaurea sulla condizione occupazionale ad un anno dalla laurea specialistica conseguita dai dottori di alcuni atenei esaminati dal consorzio (gli atenei non sono in ordine, non è una classifica!)


Dal  punto di vista del lavoro stabile invece sono messi piuttosto bene coloro che escono dal Politecnico di Torino: di questi infatti il 36,6% ha un lavoro stabile ad un anno dalla laurea ed ino ltre sono tra coloro che guadagnano di più da neolaureati, dal momento che i maschi hanno uno stipendio medio di ol tre 1200 euro mentre le donne di 920 euro (contro ad esempio i neolaureati dell'università della Calabria, i cui maschi arrivano appena a 1000 euro e le femmine a 800).

TEST: CHE CITTA' UNIVERSITARIA SEI? Clicca qui>>

Nonostante siamo ormai nel 2012 si avverte in tutti gli atenei una forte disparità tra gli stipendi degli uomini e quelli delle donne neolaureate: queste ultime infatti prendono in media sui 200 euro mensili in meno rispetto ai loro colleghi maschi.
Al di là delle percentuali occupazionali bisognerebbe però scoprire quanti ragazzi hanno trovato un lavoro attinente con i loro studi: infatti l'Italia è tra i paesi che hanno le più alte percentuali di occupati in lavori di bassa qualità.

Che ne pensi di queste percentuali? Tu hai trovato lavoro dopo la laurea?

TI PUO' INTERESSARE ANCHE:

Atenei in Italia, il Politecnico di Torino conquista il 1° posto

L'università di Bologna è la migliore d'Italia

L'università di Cambridge è la migliore al mondo

I posti migliori per studiare in Europa divisi per ambito

Tempo di crisi? Almalaurea trova lavoro a quasi 2 milioni di studenti

Il lavoro c'è, ma non sempre serve la laurea

La tua festa di laurea perfetta in 10 mosse

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.09.29 alle 00:11:48 sul server IP 10.9.10.107