PRESTITI D'ONORE PER STUDENTI UNIVERSITARI
UniCredit Banca investe sui giovani dell'Università dell'INSUBRIA di Varese e Como con i prestiti d'onore

Studenti.it riceve e pubblica

UniCredit Banca e l'Università dell'Insubria hanno siglato un accordo per l'erogazione di prestiti fiduciari (prestiti d'onore) agli studenti. Gli studenti di tutte le facoltà dell'Ateneo possono così accedere a una forma speciale di finanziamento a condizioni particolarmente agevolate.

Possono accedere al prestito personale gli studenti dell'Ateneo che frequentano in corso il terzo anno di una laurea di primo livello o gli ultimi due anni di un corso di laurea specialistica a ciclo unico, gli iscritti in corso ad una laurea specialistica, ad un master, ad un dottorato di ricerca (qualsiasi anno) e agli ultimi 3 anni di una scuola di specialità nell'area medica.

Una novità degna di nota riguarda il fatto che la banca può erogare i prestiti agli studenti senza richiedere alcuna garanzia patrimoniale o reddituale da parte di terzi (genitori, amici, ecc.). Le somme messe a disposizione da UniCredit Banca possono raggiungere un massimo di 24.000 euro per gli studenti in sede e di 30.000 euro per gli studenti fuori sede e sono ripartite in massimo 3 annualità.

Gli studenti potranno rimborsare il prestito scegliendo tra tassi di interesse fissi o variabili e rendere l'intera somma in un periodo che va da 1 a 10 anni.

Tra gli elementi più significativi che contraddistinguono i prestiti d'onore proposti da UniCredit Banca, oltre al fatto che possono essere messi a disposizione degli studenti di tutte le facoltà, è da segnalare anche il periodo di "grazia" di massimo 24 mesi che consente di posticipare di due anni dal termine del prestito l'inizio del periodo di rimborso.

In questo modo gli studenti possono iniziare a rimborsare i propri debiti con grande tranquillità, con un impatto molto marginale sui primi redditi percepiti. L'unico vincolo sarà quello di mantenere un ritmo regolare e particolarmente meritevole negli studi durante il percorso universitario.

Nell'ambito dell'iniziativa, è fondamentale il ruolo dell'Università dell'Insubria in quanto referente per gli studenti che decideranno di avvalersi dei prestiti. In particolare sarà l'Ateneo a raccogliere le richieste e a stabilire, in accordo con lo studente, l'ammontare massimo del prestito richiedibile e la durata del periodo di fruizione. L'Università fungerà inoltre da parziale garante per la restituzione dei prestiti da parte degli studenti. È prevista l'erogazione di un massimo di 50 prestiti all'anno ripartiti tra le tipologie interessate.

Nell'anno accademico 2002/03, gli iscritti all'università nel nostro Paese sono stati circa 1.720.000; di questi, circa 190 mila (pari all'11%) hanno fatto richiesta per una borsa di studio, ma solo 137 mila (equivalente all'8%) ne hanno beneficiato.

Al contrario di quanto accade in molti paesi europei, in Italia la legge che ha istituito i prestiti d'onore (L. 390/1991) non ha mai trovato una reale applicazione: in più di 10 anni sono stati erogati solo 200 prestiti.

Contatti:

UniCredit Banca Università dell'Insubria
Renato Vichi Alessandra Lupis
Tel. 051/6407306 Tel.0332/219040 Alessandra.lupis@uninsubria.it

Barabino & Partners
Federica Pezzi - Tel. 02/72023535 - f.pezzi@barabino.it


Pagina generata il 2014.09.23 alle 08:20:45 sul server IP 10.9.10.109