L'università che toglie il numero chiuso

Di Tommaso Caldarelli.

A Bologna passo indietro dall'ateneo: ingegneria gestionale torna a numero aperto

Università, un ateneo fa marcia indietro sul numero chiuso: il corso di laurea in Ingegneria Gestionale torna a numero aperto. La laurea, dove era stato limitato l'accesso degli studenti per gestire meglio, in questo modo, il problema delle risorse che ogni anno calano nel comparto dell'università, sarà di nuovo dunque ad accesso libero ed aperto dal prossimo anno accademico.

NUMERO CHIUSO, LE NEWS

GLI STUDENTI INASCOLTATI - Da parte del Sindacato degli Studenti Universitari di Bologna arriva apprezzamento per la scelta degli organi accademici, ma anche una buona dose di arrabbiatura. Fin dalla scelta da parte dell'ateneo di chiudere l'accesso ad Ingegneria Gestionale, infatti, gli studenti avevano manifestato con "petizioni, sit-in e appelli sulla stampa", scrive Bologna Today, la loro contrarietà ad una chiusura dell'accesso ai corsi di laurea; ed ora sembrano dire, "perché non ci avete ascoltato prima?". "Dopo più di un anno passato senza ascoltarci, gli organi accademici hanno deciso di darci ragione“, dice il coordinatore del sindacato Universitari.

I GIOVANI MEDICI DICONO SI' AL NUMERO CHIUSO

MAI PIU' - Secondo il leader studentesco da parte dell'Università non c'è stata sufficiente analisi del quadro politico: "Avevamo ragione noi a dire che non c'era nessuna emergenza di risorse che giustificasse una scelta così penalizzante per gli studenti Sapevamo che con un nuovo governo i requisiti sul numero minimo di docenti sarebbero diventati meno stringenti" e che del numero chiuso anche ad Ingegneria Gestionale non ci sarebbe più stato bisogno. Ora gli studenti chiedono che comportamenti del genere non si ripetano: "Facciamo appello agli organi accademici - chiosa Capotondi - perché si tragga insegnamento da questa storia: la rappresentanza studentesca è una risorsa da valorizzare, non un ostacolo ai progetti del rettorato"