Università: proposta per lauree triennali gratis

Di Chiara Casalin.

A Renzi arriva una proposta per rendere le lauree triennali gratuite

NIVERSITA’, STUDIARE GRATIS - Studiare all’università per molti è davvero troppo costoso, soprattutto in questi tempi di crisi! Probabilmente è proprio questa una delle cause principali del calo degli iscritti alle università che è avvenuto negli ultimi 10 anni. Secondo l’Annuario Istat 2014, infatti, mentre nell’anno 2003/2004 si è iscritto all’università il 72,6 dei neo-diplomati, nell’anno 2012/2013 si è immatricolato solo il 55,7% degli studenti che hanno ottenuto il diploma di maturità. Un calo davvero drastico che non è sfuggito ai rettori degli atenei italiani.

Focus: Tasse Universitarie, il calcolo per tutte le regioni

UNIVERSITA’, NIENTE TASSE – Proprio su questo punto è intervenuto il rettore dell’Università di Bologna durante la cerimonia di inaugurazione del nuovo anno accademico, alla quale era presente anche Matteo Renzi. Durante il suo discorso il rettore Ivano Dionigi ha lanciato una proposta molto interessante per rilanciare le iscrizioni alle università e garantire agli studenti l’opportunità di continuare gli studi dopo il diploma. Il rettore infatti ha proposto di rendere le lauree triennali gratuite per gli studenti meritevoli.

Da non perdere: LA classifica 2015 delle migliori città per gli studenti

UNIVERSITA’ GRATIS - Secondo quanto riporta Repubblica, durante il discorso inaugurale Dionigi ha fatto una riflessione sul calo degli iscritti e dei laureati e ha affermato: “In altri Paesi, dall’Arabia Saudita al nord Europa, non è prevista la tassazione universitaria.” Quindi “perché non prevedere nelle lauree di primo livello, a precise condizioni, prima su tutte la correlazione con i risultati degli studi, questa innovazione radicale?”.
Secondo il rettore questa iniziativa sarebbe sicuramente costosa per il bilancio dello Stato, ma aiuterebbe a far ripartire l’Italia dal punto di vista culturale e professionale.
Di certo se la proposta diventasse realtà molti studenti ne sarebbero contenti.

Guarda anche: La classifica delle università italiane de Il Sole 24 Ore

UNIVERSITA’, COSTI - Il presidente del consiglio non sembra essersi sbilanciato riguardo alla proposta lanciata da Dionigi e durante il suo intervento si è rivolto ai giovani ricordandogli che l’Italia non è un paese spacciato. Inoltre ha proposto un “2015 costituente per l’università” dichiarando che dopo le riforme già elaborate dal governo ha senso dire che “la carta futura è quella dell'università e della ricerca”.