Università: "Le tasse salgono ancora"

Di Tommaso Caldarelli.

In Spagna le università di Madrid e dintorni aumenteranno le rette fino al 20% per alcune facoltà. E' già protesta fra i rettori

Brutte notizie per gli studenti universitari della Spagna, e più precisamente delle università di Madrid e dintorni: le loro tasse universitarie saliranno ancora, fino ad un massimo del 20% per alcune facoltà e discipline: e già parte, ovviamente, la protesta dei rettori e degli studenti che saranno costretti ad affrontare nuovi rincari per studiare. D'altronde, in un certo senso, tutt'Europa è paese, perché anche le tasse universitarie italiane sono stabilmente salite nel corso degli ultimi anni accademici. Le notizie dalla Spagna ci arrivano grazie ad UniNews24.

TASSE UNIVERSITARIE, TUTTE LE NEWS

ANCORA AUMENTI - La decisione riguardante questo rialzo, si apprende, è stata presa dal ministro regionale dell'Istruzione che ha annunciato rincari per gli studenti e il congelamento degli stipendi degli insegnanti universitari.

Gli aumenti non riguarderanno gli studenti che beneficiano di una borsa di studio, coloro che hanno handicap o che fanno parte di famiglie numerose o indigenti. Sono inoltre previsti pacchetti di borse di studio per eccellenza, da 3.000 euro, destinate agli studenti madrileni.

Secondo i primi calcoli, questi aumenti potrebbero addirittura portare le nuove tasse a salire da 1500 a 2500 euro senza particolari problemi - il che significa che in alcuni casi le nuove tasse potrebbero quasi raddoppiare.

TASSE TROPPO CARE? CHIEDI UN PRESTITO

DISCRIMINAZIONI - Secondo i presidi che già protestano, circa 8mila studenti in tutti gli atenei madrileni non riuscirebbero a pagare le tasse universitari con questi aumenti. Inoltre, l'aumento non sarebbe poi uguale e varierebbe da facoltà a facoltà.

Gli aumenti variano dal 27% per i corsi di scienze sociali, umanistiche e giuridiche, al 15% di ingegneria.

Secondo i rappresentanti degli studenti, questo aumento sarebbe un "attacco alla pari opportunità" di accesso allo studio e addirittura illegale, perché violativo di un decreto approvato l'anno scorso dal ministero della Pubblica Istruzione. In Spagna le tasse sono già salite in maniera abbastanza massiccia nel 2011.