Università, la metà dei corsi è a numero programmato. È guerra

Di Valeria Roscioni.

Vita dura per le future matricole: la metà dei corsi di laurea è ormai a numero chiuso. Si tratta di un modo per mettere le mani nelle tasche degli studenti o l’unica via per mantenere elevati standard di qualità?

Il 27% dei corsi universitari esistenti è a numero programmato a livello nazionale. Sono le facoltà di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Professioni sanitarie e Architettura che ormai prevedono un test d’ingresso da molti anni. Diversa è la questione per quel che riguarda altrettanti corsi (il 27,2% per l’esattezza) che invece rientra in quella che viene chiamata “programmazione locale degli accessi”. Alias alcuni atenei hanno introdotto in totale autonomia lo sbarramento.

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SULLE FACOLTA' AD ACCESSO PROGRAMMATO >>


test_16Questo non significa solamente che le future matricole devono arrivare all’Università già almeno in parte preparate (che non è poi un concetto così peregrino) ma che devono poter pagare fino a 100 euro per ogni test a cui intendono sottoporsi. Il tutto, stando alle Università non è una frode ma un modo per garantire un percorso di studi migliore e più utile.

ALLENATI GRATIS AI TEST D'INGRESSO SU STUDENTI.IT >>

Il rettore dell'università di Palermo, Roberto Lagalla, in occasione dell’annuncio dell’applicazione del numero chiuso a tutti i corsi, ha infatti dichiarato: “Se vogliamo mantenere un certo standard di qualità, siamo obbligati a programmare gli accessi. Il secondo motivo è dettato da un credibile rapporto tra numero di laureati e potenzialità occupazionali ".

TEST D'INGRESSO: OCCHIO ALLE SCADENZE >>

Un discorso che non convince il presidente dell’Udu Michele Orezzi: “L'Italia è il paese d'Europa con il minor numero di laureati ogni 100 abitanti e l'Ue ci chiede di raddoppiare questi i numeri in pochi anni ma gli ultimi governi non hanno fatto altro che aumentare gli ostacoli all'accesso universitario. […] La cosa paradossale è che questi sbarramenti coinvolgono anche corsi che formano figure, come i laureati in Farmacia, di cui il nostro paese ha assolutamente necessità".

SALASSO MATRICOLE: ISCRIVERSI COSTA FINO A 4.000 EURO >>

Il giro di boa di quest’anno è comunque inevitabile. Solo il tempo e i risultati ci diranno chi ha ragione.