Trovare lavoro senza laurea: le competenze più richieste dal mercato

Di Valeria Roscioni.

Lavorare col diploma: ecco quali sono le capacità richieste dalle aziende quando assumono persone che non sono laurate

LAVORARE SENZA LAUREA: LE COMPETENZE RICHIESTE DAL MERCATO DEL LAVORO PER I DIPLOMATI. Quali sono le competenze richieste ad un diplomato affinché trovi un lavoro anche senza una laurea? A questa difficile domanda ha provato a rispondere anche quest’anno il rapporto il rapporto Excelsior Unioncamere dal titolo “Il lavoro dopo gli studi” che, nella sua stesura riguardante l’andamento del mercato del lavoro del 2014, può contare su una vasta sezione dedicata proprio a coloro che trovano un impiego conseguendo solamente il diploma.

I diplomi più utili per trovare lavoro

TROVARE LAVORO DOPO IL DIPLOMA: LE COMPETENZE DI BASE. I dati parlano chiaro: le imprese, oltre ad una buona formazione di base, per cui ai diplomati è richiesto di essere effettivamente capaci e ferrati, nel loro campo, sono alla ricerca di profili che abbiano una serie di caratteristiche. In primis è necessario avere:

- La conoscenza di una lingua straniera (richiesta a tre diplomati su dieci)

- Conoscenze indormatiche (richieste addirittura al 32% dei diplomati)

- Una pregressa esperienza di lavoro (richiesta a 6 diplomati su dieci) con le conseguenti abilità pratiche che questa comporta

- La partecipazione ad un corso post-diploma, anello conclusivo della formazione senza laurea che, tra l’altro, ha il vantaggio di offrire l’alternanza scuola lavoro richiesta dalle aziende nel momento in cui preferiscono assumere un diplomato con esperienza.

Cerchi lavoro? Guarda qui tante offerte per te!

TROVARE LAVORO DOPO IL DIPLOMA: LE COMPETENZE TRASVERSALI. Questi, però, sono solo le competenze di base che aiutano a trovare un lavoro senza una laurea. il rapporto Excelsior Unioncamere non si ferma qui e, approfondendo l’argomento, individua una serie di competenze trasversali come la capacità di lavorare in gruppo, quella comunicativa (scritta e orale), la flessibilità e adattamento e la capacità di lavorare in autonomia. Per saperne di più potete consultare i dati che trovate nella tabella qui sotto.

(Fonte immagine: rapporto Excelsior Unioncamere “Il lavoro dopo gli studi” 2014)