Traduzione di Inglese svolta per l'indirizzo Turistico

Di Marta Ferrucci.

La traduzione del brano di Tamasin Day Lewis scelto dal Miur per la seconda prova della maturità 2015 per l'Istituto tecnico turistico: The language of food helps us all travel well

MATURITA' 2015 SECONDA PROVA: TRACCE, TRADUZIONE DELLA VERSIONE DI TACITO E SOLUZIONI DI QUESITI E PROBLEMI MATEMATICA

TRADUZIONE INGLESE TURISTICO MATURITA' 2015 - Sono riuscita ad arrivare all'età di 19 anni avendo viaggiato all'estero solo una volta, a Parigi, con un amico dei miei genitori per un paio di settimane, con un fine settimana nel paese in cui mi sentivo sotto l'incantesimo del figlio maggiore.
Lui ha preso senza alcun avviso, ma il figlio più giovane è finito sotto l'incantesimo del goffo, silenzioso, giovane ospite, Io non ho aperto bocca. Le parole non mi uscivano. Tutti parlavano velocemente, ho raramente capito una parola...

Leggi la Traccia ufficiale

Mi sembrava di essere stato per questo completamente anti cosmopolita, non sofisticato nella vita fino ad allora e ad un certo punto ho perso la paura di arrivare in una città sconosciuta da solo, con una troupe cinematografica o con amici o con la famiglia, anche se non parlavo una parola di quella lingua.
Come un documentarista, e poi come uno scrittore, sono stato abbastanza fortunato da vedere molti dei posti in cui ho viaggiato in tutto il mondo mentre ricercavo, intervistavo, filmavo, prendevo appunti sul posto, il cibo, il paese per lavoro.

Ciò ha radicato in me un amore, un brivido, a rafforzare all'interno di differenti mondi che ho incontrato non molto come turista n'è come osservatore disinteressato.
Se si dispone di un termine, si deve arrivare al cuore delle cose in fretta e bisogna essere aperti a cercare fuori e trovare cose che altrimenti non avrebbe il tempo o l'opportunità di trovare un villeggiante. Non sempre sa dove guardare, e non quello che stai cercando per quando si ha così poco tempo per sperimentare, trovare l'essenza. Le guide turistiche offrono informazioni di base, ma non la chiave per le porte degli abitanti, le loro famiglie, i loro modi di vita.
Ho trovato che il linguaggio comune, in assenza di parole, è sempre cibo. Ho camminato in cucine, bar, ristoranti, case da Marocco a Mauritius, da Lombok, Bali e l'Himalaya nelle case di sherpa con cui ho camminato in Nepal a entro due giorni dal campo base dell'Everest. Dalle colline di Santo Stefano Belbo e le vigne di Asti dove ho vagato in un caffè la mattina e trovato il proprietario che faceva la vendemmia per gli abitanti del villaggio, cinghiali e pesche frizzanti nel vino locale, e sono stato invitato a tornare quella sera, al deserto cibo vegetariano di Jaipur, dove preservare, decapare e asciugare è un'arte perfezionata da nomadi che non possono trasportare carne o cibi freschi nel calore del sole del deserto.
Chefs, cuochi, sono, nel complesso, un cuore generoso, una corsa ospitale e una condivisione delle conoscenze, i segreti e le competenze delle loro tradizioni culinarie, è qualcosa che noi barattiamo, scambiamo, poiché entrambe le parti sono curiose, sempre interessate ai modi diversi che ognuno ha per mettere il buon cibo in tavola, per quanto gli ingredienti siano semplici ed essenziali.
Se mi fossi attaccato ai menu degli hotel e dei ristoranti durante i miei viaggi non avrei mai vissuto l'esperienza della generosità, dei pensieri di vite famigliari diverse, e la comune umanità di far sedere stranieri a condividere dal vostro tavolo ciò che la terra, localmente, ha da offrire.
Quando ero a Hong Kong, ho avuto la fortuna di vivere in un mondo di contrasti, entrambe le estremità della bilancia.
Andavo sempre in giro per mercati e Sheung Wan era piena di attrazioni turistiche che non vediamo: tartarughe, rane, pesci irriconoscibili, serpenti, teste di maiale, corone di intestino. In un negozio congee abbiamo apprezzato ostriche, anatra salata, intestini d'oca, uova conservate e carne di maiale e cumuli innevati di congee.
Ero un ospite al Mandarin Oriental, così ho provato anche il modo più sofisticato di cucinare tutti gli ingredienti locali.
Ma il culmine del viaggio, che parla culinario, era essere portato in uno degli ultimi due negozi di serpenti superstiti e bere vino di serpente, vedendo uccidere un serpente "Chop Chop" davanti ai miei occhi e con coraggio cucinato e presentato, e il dissanguamento davanti ai vostri occhi, può riservarvi il diritto di non partecipare a tutti i riti.
Ho ricordato il grande tagliere circolare affondato nel piano di lavoro in modo che non si muovesse, comunque resistesse alle vostre robuste abilità di coltello, quando sono tornato a casa, e ne ho fatto uno per la mia cucina Somerset. Mi ricorda di Hong Kong ogni volta che cucino.