Analisi del testo 2017: quale autore per la prima prova di Maturità?

Di Francesca Ferrandi.

Tracce Maturità 2017: quale autore sceglierà il Miur per l'analisi del testo? Tra i nomi più papabili Gramsci, Pirandello e Saba: scopriamo insieme il tototraccia

Maturità 2017: autore prima prova analisi del testo

Ci siamo: domani gli studenti di quinta superiore inizieranno l'esame di Stato e, oggi, il loro pensiero è completamente rivolto alle possibili tracce per la Maturità 2017 scelte dal Miur. In particolar modo, in molti si stanno chiedendo quale sia l’autore per l’analisi del testo scelto dal Ministero per la prima prova 2017, in modo da giocare in anticipo e ripassarlo in vista del primo scritto, andando il più possibile sul sicuro.
Negli ultimi mesi si è diffusa a macchia d’olio l’ipotesi che il possibile autore per la traccia della tipologia A della prima prova 2017 potesse essere Antonio Gramsci, di cui il 27 aprile si è celebrato il sessantesimo anniversario dalla morte. Una data che al ministro Valeria Fedeli non è passata inosservata, tanto da indurla ad invitare «le scuole a riflettere sulla sua figura e sulla sua opera che ha introdotto categorie di pensiero universali, utili per comprendere la complessità del presente che viviamo e le sue radici storiche». Quella di Gramsci potrebbe quindi essere un’ipotesi, ma ovviamente non è l’unica: cerchiamo quindi di scoprire insieme gli autori più papabili per la traccia di analisi del testo per la Maturità 2017.

Evita la figuraccia: guarda gli errori più comuni di italiano!

Tototraccia maturità 2017: prosa o poesia per l’analisi del testo?

Tracce prima prova Maturità 2017
Tracce prima prova Maturità 2017 — Fonte: istock

Un primo ostacolo alla scelta di un autore come Gramsci per la traccia di analisi del testo della Maturità 2017 è la natura prosastica dei suoi scritti. Dopo due anni di prosa – nel 2015 con Italo Calvino e la traccia su Il sentiero dei nidi di ragno e nel 2016 con Umberto Eco e la traccia inerente a Su alcune funzioni della letteratura – c’è una grande possibilità che quest’anno il Miur opti per un testo poetico. In quest’ottica cadrebbero anche le ipotesi che vedrebbero, tra i possibili autori della tipologia delle tracce di Maturità, Luigi Pirandello (di cui si celebrano i 150 anni dalla nascita) e Dario Fo, morto lo scorso 13 ottobre; mentre si aprirebbe ancor di più la strada ad una possibile traccia di Maturità su Umberto Saba, di cui ricorrono i 60 anni dalla morte e che non esce in prima prova dal 2000.
Certo, l’indizio su Gramsci non è di certo da sottovalutare. Un’idea? Un’analisi del testo su Pier Paolo Pasolini e su una delle poesie tratte dalla sua raccolta Le ceneri di Gramsci.

Tracce maturità 2017: gli autori per l’analisi del testo

Insomma: Gramsci, Pirandello e Dario Fo per la prosa; Saba e Pasolini per la poesia. Ma non solo: Ungaretti e Montale, due dei più importanti poeti del Novecento, mancano all'appello rispettivamente dal 2011/2012 e trattandosi di autori così cruciali nel programma di letteratura dell'ultimo anno non è da escludere che il Miur possa farci un pensierino. Così come Dante, padre della letteratura italiana e assente dalla traccia di analisi del testo dell'esame di Maturità dal 2007. Il nostro suggerimento? Non starsi troppo a scervellare sull’autore che il Miur inserirà nella prima delle tracce di Maturità 2017 e iniziare con il ripasso. Certo, il programma è lungo e ci vuole del tempo, ma con i nostri appunti, riassunti e approfondimenti risulterà tutto più semplice ed agevole. Garantito!