Laurea in Psicologia 2002 - 2003

Simulazione di un test di ammissione per il corso di laurea a numero chiuso di Psicologia

Domanda 1 di 69

Leggere il seguente brano e rispondere alle domande da 1 a 4.

Con la legge bancaria del 10 agosto 1893 venne creata la Banca d’Italia, sul ceppo della preesistente Banca Nazionale del Regno d’Italia, con cui vennero fuse le due banche d’emissione toscane. Alla nuova banca, che entrò in funzione il 1° gennaio 1894, venne affidata la liquidazione di un’altra banca di emissione, la Banca Romana, mentre restavano ancora in vita altre due banche di emissione, il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia. Si chiudeva così una travagliata stagione bancaria e il nuovo istituto, pur non essendo ancora una vera e propria Banca Centrale, assunse ben presto preminenza e autorità. Oltre alle manovre sul tasso di sconto e agli interventi sui mercati dei cambi per mantenere la stabilità della lira, a partire dall’età giolittiana, la Banca d’Italia prestò molta attenzione alla solidità del sistema bancario italiano. Un primo intervento di salvataggio venne operato nel 1907 e poi nel 1911, per alleviare le sofferenze della Società bancaria italiana, una banca mista troppo esposta con industrie che subirono i contraccolpi della crisi internazionale del 1907. Quindi nel 1914 la Banca d’Italia creò un istituto speciale di credito industriale, il Consorzio sovvenzioni su valori industriali (Csvi) che dispiegò prima una serie di interventi di salvataggio negli anni Venti, soprattutto in relazione al Banco di Roma, e poi un’intensa attività di finanziamento della spesa pubblica, soprattutto bellica, nella seconda metà degli anni Trenta e nei primi anni Quaranta. Intanto, con la legge bancaria del 1926 la Banca d’Italia diventò l’unica banca di emissione e con la legge bancaria del 1936 le venne conferito lo status di vera e propria Banca centrale, cessando ogni rapporto con la clientela privata. Nel secondo dopoguerra, sotto il governo di Einaudi prima e di Menichella poi, la Banca d’Italia fu in prima linea nel realizzare una politica di stabilità monetaria durante gli anni di grande espansione economica, ma nei travagliati anni Settanta non riuscì a sottrarsi alle pressioni inflazionistiche che venivano soprattutto dalla politica di spesa pubblica dello Stato. In base a quanto esposto nel brano, si può affermare con certezza che: