Test numero chiuso medicina 2014, a Napoli nessun problema

Di Tommaso Caldarelli.

Il ministero chiude le polemiche sul plico nell'immondizia

Test numero chiuso medicina 2014, a Napoli è tutto regolare. Dopo le polemiche causate dalla diffusione sulla rete della foto che ritrae quello che sembra essere un plico dei test di accesso per i corsi a numero programmato gettato nella busta della spazzatura dell'università Federico II di Napoli, interviene direttamente il ministero dell'Istruzione per smentire ogni tipo di problema: da Napoli sembra essere tutto a posto.

PER APPROFONDIRE: Il numero chiuso a medicina è necessario o va superato?

TUTTO A POSTO - Ecco il comunicato ufficiale del Miur.

Nessuno dei quiz svolti a Napoli presso l’ateneo Federico II manca all’appello del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Dopo la diffusione in Rete della foto di una busta con il logo ministeriale gettata nella spazzatura a Napoli il Miur ha subito avviato le verifiche del caso: tutti i 5.500 plichi consegnati all’ateneo sono tornati al Cineca, il Consorzio interuniversitario che stampa, confeziona e valuta i test, e tutti i plichi sono regolarmente tracciabili. In particolare al Cineca sono tornati 3.766 plichi utilizzati, 1.731 plichi non utilizzati, 3 plichi sostituiti. Tutte le prove d’esame sono state corrette e dall’analisi dei verbali d’aula non sono emerse anomalie rispetto allo svolgimento dei quiz a Napoli

Secondo il Miur, la busta vista nella spazzatura sarebbe "una delle buste destinate a contenere il materiale ‘residuo’: secondo foglio per le risposte e fogli con i quesiti": si tratta di materiale che non ha alcuna rilevanza ai fini del test. Agli atenei è chiesto di riconsegnare questo materiale, ma anche se non lo fanno, "i risultati della prova non sono in alcun modo inficiati".

LEGGI QUI: Numero chiuso, è pronto il ricorso