Test Medicina: nuova sentenza sulla violazione dell’anonimato

Di Valeria Roscioni.

Sentenza Test Medicina: secondo il T.A.R. se l’anonimato può essere violato, allora è possibile ottenere l’ammissione in sovrannumero

TEST MEDICINA: NUOVA SENTENZA SULLA VIOLAZIONE DELL’ANONIMATO. I ricorsi legati ai test di Medicina che si sono svolti negli ultimi anni sono, ormai da mesi, al centro di polemiche e di varie notizie. Tra queste ultime c’è quella relativa all’Università di Sassari che è riuscita a vincere in appello ottenendo una sentenza secondo cui, diversamente da quanto sancito dal Tar in precedenza, il fatto che la commissione abbia costretto i candidati a lasciare il loro documento di identità ben visibile sul proprio banco non è lesiva del principio dell’anonimato.

Da non perdere: Test medicina 2015, le novità annunciate dalla Giannini

RICORSO TEST MEDICINA: LA SENTENZA DI SASSARI NON FA PAURA. Si tratta di una decisione presa dal Consiglio di Stato in merito ad un ricorso del 2012 che, però, ha messo in crisi le centinaia di studenti che, dopo aver sostenuto il test di Medicina, hanno deciso di passare alle vie legali. L’eco data dai media ha poi contribuito a seminare un certo panico. Proprio per questo l’Avvocato Santi Delia, che con l’avvocato Michele Bonetti, si sta occupando di moltissime cause relative al numero chiuso a Medicina, ha deciso di contattare la redazione di Studenti.it per fornire alcuni chiarimenti a riguardo e sottolineare il contenuto di un’altra sentenza emessa dal Tar proprio in questi giorni di trambusto.

TEST MEDICINA E VIOLAZIONE DELL’ANONIMATO: I RICORSI VANNO AVANTI. “Il caso Sassari è isolato – ha sottolineato Santi Delia - È l’unica pronuncia a fronte di centinaia in cui il Cds dice l’opposto. In questa sentenza il T.A.R. continua a ribadire quanto già fatto in sede di ammissioni temporanee con sospensiva e lo fa con una sentenza finale di merito in cui chiarisce in dettaglio perché è violato l’anonimato”. Insomma i ricorsi legati ai Test di Medicina non stanno subendo una battuta d’arresto: “una sola sentenza (il caso Sassari) non può essere presa a modello per imbastire una campagna del terrore nei confronti degli studenti e delle loro famiglie.” Si legge sul sito dell’Avvocato: “Il T.A.R. […] ha in particolare ricordato e confermato la fondatezza del vizio dell'anonimato, sulla base della sentenza del Consiglio di Stato, di qualche giorno antecedente rispetto al peculiare caso Sassari, n. 15/2015. […] Secondo il T.A.R. Lazio, ‘le concrete modalità di svolgimento delle prove preselettive in questione hanno rivelato una effettiva violazione di tali principi (...) in quanto ai candidati è stata consegnata una scheda risposte, unitamente ad una scheda anagrafica, tutte recanti il medesimo codice alfanumerico, già di per sé idoneo ad identificare i candidati’.[…] Orbene, tali modalità erano state già stigmatizzate da alcune decisioni del giudice di primo grado e di quello di appello, secondo cui secondo cui ‘la presenza di un codice a barre (con l’indicazione sottostante del numero di codice), riportato sia sulla scheda anagrafica di ciascun concorrente, sia sui modelli di questionario a ciascun concorrente consegnati, rende in astratto possibile l’identificabilità dell’autore della prova, anche dopo la conclusione della prova medesima, persino nel momento successivo delle operazioni di esame e valutazione dei questionari. Anche se l’attribuzione di punteggio alla prova è rigorosamente legata al numero di risposte esatte contenute nell’elaborato di ciascun candidato, l’anonimato dell’elaborato (cioè la non identificabilità dell’autore prima dell’attribuzione del punteggio) resta un valore tutelabile, soprattutto allo scopo di prevenire ed evitare eventuali manipolazioni dell’esito della prova’”.

IMMATRICOLAZIONI CON RISERVA A MEDICINA: SUPERARE I PRIMI ESAMI E’ IMPORTANTE. Dunque adesso cosa devono aspettarsi gli studenti che hanno aderito al ricorso relativo al Test di Medicina? La risposta a questa domanda, stando a Santi Delia, è una sola: tutti i nuovi ricorrenti devono “consolidare la propria posizione con lo studio ed il superamento degli esami”.

Per leggere l'intera sentenza clicca qui

Non perdere neanche un aggiornamento: iscriviti al gruppo su Facebook!