Test medicina, iscrizioni record: tutti disoccupati?

Di Tommaso Caldarelli.

Afflusso record ai test di medicina: ma la professione è satura. Ecco i dati sull'occupazione delle professioni sanitarie

Test medicina, tutti i dati lo confermano: le iscrizioni sono al boom. Mai così tanti iscritti al test d'accesso per la facoltà a numero chiuso più ambita di tutte: il sogno di diventare medico ha convinto quest'anno oltre 84mila neodiplomati a tentare l'ingresso ai corsi ad accesso programmato. Un aumento del 23% rispetto all'anno scorso, su un totale di oltre 10mila posti disponibili. Come a dire che, certamente, ne entrerà soltanto uno su otto.

TEST MEDICINA, TUTTE LE INFO

"FALSE SPERANZE" - Cambia poco nel calcolo complessivo se ai posti disponibili in medicina si aggiungono quelli per odontoiatria, altra facoltà ambitissima. Le notizie dalle università confermano la tendenza: da Ferrara a Cagliari a Genova, la coda per entrare nelle grandi aule dove si terranno i test è già lunghissima. Eppure, è il caso di farlo presente ai tanti che sognano il camice bianco, trovare lavoro non è affatto facile nel campo della medicina, né gli alti stipendi di cui talvolta si favoleggia sono facili da raggiungere per i futuri professionisti: lo scorso luglio era stato il presidente dell'Ordine dei Medici italiano a far presente che nuovi camici bianchi, in realtà, "non sono necessari".

Sono state diffuse notizie relative al grande numero di pensionamenti nel settore ma la realtà è che questo fenomeno inizierà lentamente, intorno al 2016/17 per divenire un po’ più consistente solo dal 2020

Insomma, è vero che il settore riprenderà ad attrarre lavoro, ma per questo risultato, spiega Roberto Carlo, ci vorrà del tempo.

TEST MEDICINA, LE SOLUZIONI DELL'ANNO SCORSO

QUALCHE DATO - E così i neodiplomati rischiano di essere soggetti a "false speranze". I dati di Italia Orienta diffusi tempo fa avevano sottolineato che, rispetto ai medici, siano molto più necessari infermieri e paramedici, visto che nel giro di 10 anni la domanda per queste figure professionali sostanzialmente raddoppierà. Una ricerca molto più recente sottolineava come il 6% dei medici under-40 siano "sostanzialmente disoccupati" e che molti altri debbano passare attraverso anni e anni di contratti atipici e precari, numeri confermati da una ricerca ufficiale diffusa dall'ordine dei Medici di Roma e Provincia. Insomma: diventare medico è un sogno da inseguire con tutta la passione possibile, ma senza dimenticare di tenere d'occhio i numeri.