Ricorso Test Medicina: l'Università ti blocca? Ecco cosa fare

Di Valeria Roscioni.

Test Medicina: dopo la sentenza del Tar alcune Università potrebbero ostacolare gli studenti entrati con il ricorso. Le indicazioni dell'Udu

RICORSO TEST MEDICINA: LE UNIVERSITA' POTREBBERO NON RISPETTARE DEL TUTTO LA SENTENZA. I ragazzi che hanno vinto il Maxi ricorso di Medicina possono immatricolarsi con riserva, il che significa che al momento possono iscriversi all'Università anche se la sentenza del Tar non è ancora definitiva. La loro immatricolazione è quindi precaria ma necessaria affinché tra qualche mese ogni posizione risulti completamente regolarizzata. Si tratta di una trafila lunga e non semplice, resa ancora più complessa dal fatto che molti atenei stanno opponendo una certa resistenza che, però, non deve immediatamente far scattare l’allarme. È infatti importantissimo sapere che prima di recarsi in segreteria per immatricolarsi coloro che sono stati rappresentati in aula dall’Avvocato dell’Udu Michele Bonetti dovranno attendere una mail contente il “via libera” che arriverà solo dopo che tutte le procedure del caso saranno state effettuate. In alcuni casi, però, seguire questa procedura non si è rivelato sufficiente e le università hanno messo i ragazzi che devono immatricolarsi con riserva in difficoltà compiendo azioni non perfettamente regolari.

(Gruppo FB numero chiuso Medicina - Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti su numero chiuso e ricorsi)

IMMATRICOLAZIONI CON RISERVA E SENTENZA TAR: QUANDO CHIEDERE AIUTO. Durante un incontro svoltosi la scorsa settimana presso l’Università La Sapienza di Roma, l’Unione degli Universitari ha infatti specificato quali sono i diritti a cui i ragazzi che hanno vinto il ricorso relativo al Test di Medicina devono ambire. Per prima cosa, è molto importante che gli immatricolati con riserva ottengano le stesse identiche condizioni degli altri studenti: non devono avere sedi a parte per seguire le lezioni, non devono essere individuabili dai professori o dai compagni in quanto “ammessi in sovrannumero” e, proprio per questo, devono avere un libretto (cartaceo o telematico) del tutto identico a quello dei loro colleghi. Ottenere tutto questo, però, non è semplice perché occorre procedere per step e attendere che la sentenza del tar divenga a tutti gli effetti definitiva (al momento è solo un provvedimento cautelare. Resta il fatto che, comunque, ogni discriminazione e ogni ostacolo posto all’immatricolazione sono da considerarsi come atti da segnalare all’Unione degli Universitari che, proprio per questo, consiglia a tutti i ragazzi di segnalare eventuali problematiche al proprio referente regionale. QUI tutti i contatti.