Test Medicina 2015: Giannini annuncia novità

Di Valeria Roscioni.

Test Medicina e numero chiuso: il Ministro ha rivelato i cambiamenti previsti per il 2015 e le date per i prossimi mesi

TEST MEDICINA 2015: GIANNINI SU DATE E CAMBAIMENTI. Test di Medicina: basta interrogativi non risolti? Non ancora, ma la via delle certezze sembra ormai essere stata intrapresa. L’audizione del Ministro riguardante il futuro del Test di Medicina e dell’ammissione alle Scuole di Specializzazione Medica, che si è tenuta nel corso del primo pomeriggio del 13 gennaio, ha chiarito una serie di interrogativi che da mesi ormai assillavano le aspiranti matricole. La Giannini, infatti, non solo ha dato indicazioni molto chiare per quel che riguarda le date in cui si svolgerà il Test d’ingresso nel 2015, ma ha anche parlato delle novità che verranno messe in pratica fin da quest’anno.

Da non perdere: Test Medicina 2015: si farà a settembre

TEST MEDICINA: DOMANDE DIVERSE E ORIENTAMENTO MIGLIORE. Prima di confrontarsi con gli Onorevoli delle Commissioni riunite Cultura e Affari Sociali, infatti, l’inquilina di Viale Trastevere ha specificato quali sono le intenzioni del Miur per quel che riguarda il Test di Medicina 2015. Ecco i tre punti fondamentali:

- Test Medicina 2015: le prove per l’orientamento. Per prima cosa i ragazzi potranno contare sul “L’attivazione da quest’anno delle prime forme i orientamento che consentano agli studenti delle scuole superiori anche attraverso la somministrazione di test autovalutativi che servano come strumento di automisurazione dell’attitudine. Da questo mi aspetto risultati visibili già da quest’anno”.

- Test Medicina 2015: le domande cambieranno? “Il secondo punto – ha poi continuato il Ministro - è quello di rendere la prova una prova che sia valutativamente più qualificata che non presenti le anomalie che da quest’anno sono emerse. Ricordo che il test è normato da una legge del 1999 […] che parla genericamente di superamento di apposite prove di cultura generale sulla base dei programmi della scuola superiore. Quindi è possibile anche con la normativa vigente cercare di dare un’indicazione agli studenti che sia più diagnostica per la loro attitudine al corso di laurea che si accingono a frequentare senza scivolare su quelle domande che hanno costituito, credo a ragione, un motivo di polemica.

- Test Medicina 2015: i corsi nelle università. Infine la Giannini ha sottolineato che è intenzione del Ministero fare in modo che già da quest’anno sia possibile frequentare dei corsi di preparazione all’interno dei singoli atenei. Il Miur, però, in questo senso non può far altro che rimettersi alle decisioni delle singole università, che si sono già dette informalmente disponibili e che, per via dell’autonomia, possono gestire la questione liberamente.

Si torna ai ricorsi? Leggi: Test Medicina 2015: Bonetti non si arrende

Per non perdere neanche un aggiornamento iscriviti al gruppo su Facebook!