Come scegliere l'argomento della tesi

Di Redazione Studenti.

Tesi di laurea: come si sceglie l'argomento? I consigli per decidere! Come sfruttare al meglio questa esperienza e valorizzarla anche ai fini della ricerca di lavoro

COME SCEGLIERE ARGOMENTO TESI DI LAUREA - Ad un relatore, o una relatrice, si presenta di solito la seguente situazione: lo studente, o la studentessa, arriva nello studio quando ha finito gli esami o, auspicabilmente, quando la fine degli esami è vicina, ma non imminente. Per una serie di ragioni, non sempre chiare nemmeno a lui, il candidato si propone. Quasi mai propone un progetto o un'idea, di solito presenta la sua candidatura e si affida al docente per tutto il resto.

A cosa serve una tesi di laurea

SCELTA ARGOMENTO TESI DI LAUREA - Facciamo però un passo indietro: cosa ha portato lo studente in quello studio? La scelta del proprio docente è spesso motivata dalle voci di corridoio, che possono andare dal “Ti segue molto” al “Te la cavi velocemente.” A volte, si sceglie un docente che abbia contatti con la realtà a cui si aspira dopo la laurea o con cui si sono fatti degli esami interessanti, o che sono andati particolarmente bene. O con cui si ha un buon rapporto.

Come si vede, ancora non abbiamo parlato dell'argomento. Intendiamoci: questi sono tutti fattori importanti. La scelta dell'argomento non può essere svincolata da questi, disincarnata. Ogni percorso implica una disciplina, ma anche un Dipartimento, un laboratorio, e uno o più docenti, ed è bene essere consapevoli anche di questi aspetti incarnati appunto, umani, della propria scelta.

Da non perdere: Test: sai scrivere una tesi di laurea?

SCEGLIERE ARGOMENTO TESI DI LAUREA - Torniamo nello studio: il docente prova spesso a dialogare con lo studente, a capirne interessi, capacità, predisposizioni... oppure, sfoglia il libretto mentre lo studente impaurito aspetta la sentenza. Ovviamente, non parlando di situazioni specifiche, proviamo solo a fare una panoramica di alcune delle situazioni che forse affronterete o avete affrontato.

Se il candidato viene accettato, il docente può stimolarlo a trovarsi da solo un argomento, magari proponendogli di leggere qualche testo, oppure lo può coinvolgere in un suo progetto di ricerca. Entrambe le strade, se manca la proposta del candidato, sono molto valide e stimolano capacità leggermente diverse. Se vuole, il candidato può informarsi prima e scegliersi un relatore che generalmente si sa offrire una o l'altra tipologia di tesi.

Come si scrivono le parti di una tesi di laurea

SCEGLIERE ARGOMENTO TESI - Una scelta da fare insieme è quella tra tesi sperimentale o tesi compilativa: se per la prima non bisogna pensare necessariamente e solo a tesi da svolgere in laboratorio, per la seconda non bisogna illudersi che basti fare un riassunto. Spesso anzi, potrebbe verificarsi l'opposto: la tesi sperimentale, all'interno di un progetto di ricerca ben avviato, può dare al candidato un'ottima esperienza sul campo, ma in una porzione ben delimitata e precisa di spazio teorico. La tesi compilativa, al contrario, potrebbe richiedere tanto lavoro d'archivio e uno spunto originale da cui meriti riprendere in mano un argomento già noto e trattato.

In questa scelta, è fondamentale fare i conti anche con alcuni aspetti concreti: ci possono essere materiali archeologici o d'archivio non accessibili al pubblico, ci sono libri non disponibili nella propria biblioteca universitaria e bisogna valutare se sia possibile acquisirli con un prestito o comprarli. Nel caso di tesi sperimentali, poi, il fattore più difficile da prevedere è spesso quello temporale, anche se di questo comunemente si prendono responsabilità i relatori stessi. Agli aspetti pratici, è bene che ponga molta attenzione lo studente: il docente, infatti, potrebbe non porsi gli stessi limiti -temporali, spaziali o economici -di investimento.

Abbiamo parlato dell'argomento? Forse non ancora. Però siamo riusciti a capire che la scelta dell'argomento non può essere solo dettata dall'interesse, dalla passione (del candidato o del relatore). Una buona scelta tiene conto di tutti i fattori che abbiamo elencato e li mette in triangolazione per trovare il punto che lo studente cercava quando si è presentato all'inizio nello studio del docente, quello che non è però un punto d'arrivo, bensì il punto di partenza per un lavoro che dia al candidato se non tutte, almeno alcune delle risposte alle domande con cui, da quando ha iniziato a pensare alla tesi, si è già trovato a formulare più volte.

di Jessica Cancila
Libri utili:

Come si fa una tesi di laurea (Eco 1977)
Prepararsi agli esami, Legrenzi Paolo, 1999, Il Mulino
Tesi (e tesine) con PC e Web. Impostare e scrivere il testo, organizzare e gestire idee e materiali, cercare informazioni su Internet? De Francesco Corrado; Delli Zotti Giovanni, 2004, Franco Angeli

Link utili:
http://www.mestierediscrivere.com/
http://www.mestierediscrivere.com/quaderni
http://www.mestierediscrivere.com/uploads/files/comunicarelascienza.pdf