Terza prova 2016, come funziona: domande, tempi e modi di svolgimento

Di Marta Ferrucci.

Il primo ed il secondo scritto della maturità 2016 si sono conclusi e nelle prossime ore i maturandi si concentraranno sulla temuta terza prova. Ora la commissione predisporrà il quizone con le seguenti modalità

SEGUI IN DIRETTA LIVE: TERZA PROVA MATURITA' 2016

LE DOMANDE DELLA TERZA PROVA MATURITA' 2016

Chi e come definisce le domande della terza prova 2016? Le decisioni vengono prese dalla commissione in base al documento redatto dal consiglio di classe.

  • Viene decisa la durata della prova in base alle caratteristiche e alla difficoltà della prova
  • Si decide quale struttura avrà la prova, a quale tipologia apparterranno le domande (aperte, chiuse...)
  • In merito alle domande, ogni membro della commissione fa delle proposte ed in base a queste, il giorno stesso delle prove, le domande saranno assemblate nel quizone.

E' il presidente della commissione a decidere l'orario delle prove che lo comunica all'albo della scuola. In teoria non si possono comunicare le materie che saranno oggetto della prova ma questa disposizione sappiamo che spesso viene disattesa e che i maturandi non solo conoscono le materie su cui verterà il terzo scritto ma, a volte, sanno anche le domande.

DOMANDE TERZA PROVA 2016: LE MATERIE

La terza prova puo' coinvolgere al massimo 5 materie e nella commissione devono essere presenti professori abilitati all'insegnamento delle stesse. Nelle scuole in cui la lingua straniera è materia del secondo scritto, nel quizzone potra' trovare spazio una o più lingue straniere diverse da quella coinvolta nel secondo scritto.
Anche chi non ha avuto ingua straniera come materia del secondo scritto potrà trovare tra le domande di lunedì 27 una o più lingue studiate nell'ultimo anno.

TEST TERZ PROVA: allenati online con i quiz sulle materie oggetto della prova

La prova può essere costituita da una sola delle seguenti tipologie, tranne che per le tipologie di cui alle lettere b) e C) che possono essere utilizzate anche cumulativamente:

  • non più di 5 argomenti per la trattazione sintetica;
  • da 10 a 15 quesiti a risposta singola;
  • da 30 a 40 quesiti a risposta multipla;
  • non più di 2 problemi scientifici a soluzione rapida, tali cioè da non richiedere calcoli complessi;
  • non più di 2 casi pratici e professionali;
  • 1 progetto.

Nel caso in cui le tipologie b e c venissero usate cumulativamente, il numero dei quesiti a risposta singola e il numero dei quesiti a risposta multipla non potrà essere inferiore, rispettivamente, a 8 e 16.

La tipologia della prova che sceglierà la commissione deve essere coerente con quanto deciso nel consiglio di classe.

Nella terza prova si terrà conto anche di altri elementi come:

  • Le esperienze relative all'alternanza scuola lavoro
  • La lingua straniera insegnata con il CLIL

QUIZ PER LA TERZA PROVA