Esame terza media: ecco la prova che abbassa tutta la media

Di Maria Carola Pisano.

La valutazione dell'esame di terza media comprende anche le prove Invalsi: ecco perché è un problema per gli studenti

TERZA MEDIA: ECCO LA PROVA IN CUI SI PRENDONO I VOTI PIU' BASSI

Test Invalsi 2017
Test Invalsi 2017 — Fonte: istock

E' il test Invalsi il tallone d'achille degli studenti alle prese con l'esame di terza media, la prova standardizzata uguale per tutti che quest'anno si è svolta il 15 giugno. Perchè è così pericolosa? Rispetto agli altri scritti dell'esame di terza media, la prova Invalsi è molto diversa: intanto non è formulata dai professori dei ragazzi, ma dall'Istituto Nazionale per la valutazione del sistema dell'Istruzione. Il test fa inoltre media per il voto finale dell'esame. Ricordati che, pena l'esclusione, al test è necessario rispettare delle regole ben precise.
Per arrivare preparato alle prove Invalsi 2017, allenati online con le simulazioni che ti preparano al quiz. VAI QUI.
Come sappiamo, la prova è divisa in due parti: matematica e italiano. Il voto delle prove Invalsi fa media con gli altri scritti e con l'orale e sarà così per l'ultimo anno: dal 2018 infatti, il test Invalsi si svolgerà ad aprile e non farà più media.
Dunque il voto ottenuto alle prove Invalsi farà media e, per questo, potrebbe abbassare il voto, anche degli studenti più bravi.

Guarda le soluzioni del test Invalsi terza media 2017:

Come dicevamo, non andranno incontro a questo pericolo gli studenti di terza media 2018 che, invece, dovranno affrontare l'Invalsi durante l'anno scolastico e costituirà un requisito fondamentale per l'ammissione all'esame. Insomma, del test Invalsi non ci si può liberare in nessun modo ma almeno non sarà necessario affrontarlo in prossimità di quello conclusivo.

Di tutte le voci che compongono la valutazione complessiva di terza media (voto d'ammissione, prova di italiano, di matematica, prima e seconda lingua straniera e orale), il test Invalsi è quello in cui si registrano i voti più bassi. Se infatti la valutazione media delle altre prove è compresa - a livello nazionale - in un range compreso tra il 7,3 e il 7,8, quello per l'Invalsi non supera il 6,9. Ad aggiungersi a questi numeri, c'è un altro dato significativo che ci dice quanto il test Invalsi sia il punto debole degli studenti di terza media: solo il 68,1% degli studenti che hanno preso 10 e lode come risultato finale, ha preso 10 anche al test nazionale, mentre il restante 31,9% un voto compreso tra 7 e 9. Considerato che la fortuna non è dalla vostra, non ci resta che augurarvi buona fortuna per la prova del 15 giugno, come ha già fatto la Ministra Valeria Fedeli!