Debiti scolastici: come recuperarli

Debiti formativi: cosa sono, come funzionano e come si recuperano i debiti scolastici. La guida completa per sopravvivere agli esami di riparazione

di Barbara Leone 26 agosto 2014

DEBITI SCOLASTICI: COSA SONO - Debiti scolastici o debiti formativi che dir si voglia la questione è sempre la stessa: se alla fine del primo o del secondo quadrimestre uno studente ha evidenti lacune in una o più materie e tenuto a colmarle entro la fine dell'anno scolastico o prima dell'inizio di quello successivo. I debiti infatti possono essere assegnati anche in caso di promozione e in questo caso si parlerà di "promozione con debito formativo", mentre non vengono assegnati in caso di bocciatura. I debiti scolastici devono essere recuperati superando i così detti esami di riparazione per non creare problemi nei successivi anni scolastici e mettere a rischio il normale proseguimento degli studi.

Per approfondire: Debiti formativi: tutto quello che devi sapere sui debiti scolastici


Debiti scolasticiDEBITI SCOLASTICI: COME FUNZIONANO - La normativa relativa ai debiti ed ai corsi di recupero è stata firmata dal Ministro dell'Istruzione, Giuseppe Fioroni e stabilisce che le attività di sostegno e di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell’offerta formativa. Vediamo nel dettaglio come funzionano le cose al primo e al secondo quadrimestre.

Una dritta in più: Esame di riparazione, tutto sulle domande

Debiti scolastici: le insufficienze del primo quadrimestre.
Le istituzioni scolastiche sono tenute a organizzare,  subito dopo gli scrutini intermedi,  interventi didattico-educativi  di recupero per gli studenti che in quella sede abbiano presentato insufficienze in una o più discipline, al fine di un tempestivo recupero delle carenze rilevate. Gli studenti con insufficienze sono tenuti alla frequenza dei corsi di recupero. Al termine di tali attività saranno effettuate, da parte dei docenti delle discipline della classe di appartenenza, verifiche intermedie di cui si dà comunicazione alle famiglie. Qualora i genitori o coloro che ne esercitano la relativa potestà non ritengano di avvalersi  dell’iniziativa di recupero organizzata dalle scuole, debbono comunicarlo alla scuola stessa, fermo restando l’obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche richieste.

Speciale Scuola Media: Tutto sui debiti scolastici alle medie

Sei stato vittima di un'ingiustizia? Diritti degli studenti: tutto quello che devi fare per farti rispettare


Debiti scolastici: le insufficienze del secondo quadrimestre.
Nei confronti degli studenti per i quali, al termine delle lezioni, è stato constatato il mancato conseguimento della sufficienza in una o più discipline, che non comporti tuttavia un immediato giudizio di non promozione, il Consiglio di classe procede al rinvio della formulazione del giudizio finale. La scuola comunica subito alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte dal consiglio di classe, indicando le specifiche carenze rilevate per ciascuno alunno dai docenti delle singole discipline e i voti proposti in sede di scrutinio nella disciplina o nelle discipline nelle quali l’alunno non ha raggiunto la sufficienza. Contestualmente vengono  comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti formativi che la scuola è tenuta a portare a termine entro la fine dell’anno scolastico, le modalità e tempi delle relative verifiche.

E se non passi l'esame? Leggi Debiti scolastici: cosa succede se non li superi


Debiti formativi: gli esami di riparazione
. A conclusione dei suddetti interventi didattici, di norma entro il 31 agosto dell’anno scolastico di riferimento, salvo particolari esigenze organizzative delle istituzioni scolastiche, e comunque non oltre la data di inizio delle lezioni dell’anno scolastico successivo, il Consiglio di classe, in sede di integrazione dello scrutinio finale, procede alla verifica dei risultati conseguiti e alla formulazione del giudizio definitivo che, in caso di esito positivo, comporta l’ammissione dell’alunno alla frequenza della classe successiva.

Da non perdere: Come affrontare i debiti formativi: la guida per superarli


DEBITI FORMATIVI: LA VALUTAZIONE.
Nei confronti degli studenti valutati positivamente in sede di verifica finale al termine del terzultimo e penultimo anno di corso, il Consiglio di classe procede altresì all’attribuzione del punteggio di credito scolastico. A decorrere dall’anno scolastico 2008/2009, per gli studenti dell’ultimo anno di corso che nello scrutinio del primo trimestre o del primo quadrimestre presentino insufficienze in una o più discipline, il Consiglio di classe predispone iniziative di sostegno e relative verifiche, da svolgersi entro il termine delle lezioni, al fine di porre gli studenti predetti nella condizione di conseguire una valutazione complessivamente positiva in sede di scrutinio di ammissione all’esame di Stato.

Leggi anche:
Assenze a scuola, scopri se sei a rischio bocciatura



DEBITI SCOLASTICI: COME EVITARLI
. Il primo consiglio è quello di seguire l'insegnante e studiare il programma man mano che viene spiegato. Non restare indietro con gli argomenti spiegati, altrimenti sarà sempre più difficile recuperare. Se non avete capito un determinato argomento, chiedete spiegazioni all'insegnante. Fate esercizi a casa e cercate di approfondire ogni argomento, per ottenere una preparazione necessaria al raggiungimento della sufficienza. Un buon metodo di studio può essere quello di ripetere ad alta voce la lezione, per "ascoltarsi" e comprendere meglio cosa si è capito e cosa non si è ancora assimilato bene. Può anche essere utile studiare con un compagno di classe per confrontarsi insieme sui vari argomenti ed aiutarsi su quelli più difficili. Se ci si rende conto di essere rimasti indietro, non bisogna avere timore a chiedere aiuto: farsi aiutare da un fratello o da una sorella maggiore, da un vicino di casa universitario o dai genitori può servire a comprendere i propri limiti e a cercare di colmare le lacune. Se da soli non si riesce a studiare, nei casi più gravi, occorre farsi aiutare da un insegnante privato, che potrà rispiegare gli argomenti più difficili e farli comprendere con più facilità. L'importante è comunque riuscire a trovare il proprio metodo di studio e seguire un programma di studio senza rimandare al giorno dopo perché tanto "il prof mi ha già interrogato". Molto spesso uno studente che resta indietro col programma, ha più difficoltà a recuperare nel momento in cui, magari, si trova con più materie da studiare o da preparare per una interrogazione o un compito in classe. Invece studiando un po' tutti i giorni, sarà più semplice mantenere il "passo" del professore. 

Fai il test: Debiti formativi, riuscirai ad evitarli?

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

5
Commenti

elisa martedì, 17 settembre 2013

scuole e formazione

Ragazzi qui potte trovare alcuni istituti privati che possono aiutare nel recupero:
http://www.trovascuole.com/scuole-private/

n° 2
grande valeria martedì, 15 settembre 2009

debiti

io frequento l ultimo anno delle superiori dovrò fare l esame e sinceramente evitare i debiti o rimandi è molto difficile anche se si studia...il mio caso io studio sempre e li ho avuti negli anni passati!in bocca al lupo ai ragazzi di prima superiore!

n° 1
thelegends martedì, 3 settembre 2013

R: debiti

Crepi

nameless mercoledì, 5 giugno 2013

R: debiti

crepi

stargirl domenica, 21 febbraio 2010

R: debiti

crepi!

Chiudi
Aggiungi un commento a Debiti scolastici: come recuperarli...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.10.31 alle 16:17:55 sul server IP 10.9.10.108