Bollate, "dopo il pestaggio mi minacciano di morte"

Nuove informazioni sull'episodio di bullismo nel milanese

di 10 febbraio 2014

Bollate, non è ancora finita la storia dell'adolescente picchiata da una compagna di classe davanti scuola. Continua sui social, sui gruppi creati dai ragazzi a sostegno dell'una o dell'altra parte; e continua offline, dove non mancano i commenti dei genitori, dei parenti e degli amici di una o dell'altra ragazza. L'intera situazione, dopo il già grave episodio che abbiamo raccontato su queste pagine, sembra star peggiorando.

 

BULLISMO, LE NEWS

 

LA MADRE: "COMPLIMENTI" - Si sono capiti innanzitutto i termini della vicenda: la ragazza picchiata, che appare su vari giornali con nomi di fantasia, era intervenuta in favore di una sua amica, fidanzatasi con l'ex ragazzo dell'adolescente in tuta grigia che ha alzato le mani. La madre della protagonista dell'episodio di bullismo, a quanto dicono articoli apparsi online, si sarebbe addirittura complimentata con la bulla.

La vittima, intervistata telefonicamente da un giornalista, racconta che G. martedì pomeriggio intorno alle 14 è stata accompagnata davanti all’Its Levi di via Varalli dalla madre, la quale dopo la lite si sarebbe complimentata con la figlia.

Il video in cui la vittima del pestaggio spiega le sue ragioni e la sua versione dei fatti è stato pubblicato online.

 

BOLLATE, IL VIDEO DEL PESTAGGIO

 

"PRONTA LA BARA" - Nel video, la vittima spiega che un'amica della picchiatrice le avrebbe detto: "Se G. va in comunità io ti ammazzo, per te ho già pronta la bara".

Intanto sui social network appaiono, come dicevamo, gruppi a sostegno dell'una e dell'altra parte. La baby-bulla, di nome G., continua la sua attività sui social mostrandosi spavalda e dicendo a tutti coloro che la criticano: "Grazie, mi state rendendo famosa".

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.08.26 alle 20:31:16 sul server IP 10.9.10.103