Concorso Specializzazioni Medicina: ecco le più ambite

Di Valeria Roscioni.

Scuole di Specializzazione in Medicina: i numeri del Ministero sul concorso. Tutto su candidati, sedi e scuole più richieste

CONCORSO SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: I NUMERI DEL MIUR. Concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione di Medicina: alla vigilia del primo giorno di test, previsto per domani, 28 luglio 2015, il Miur ha diffuso una serie di dati riguardanti le prove. “I candidati sono in tutto 13.188, le sedi di esame sono 261, per un totale di 432 aule e oltre 15.600 postazioni informatiche messe a disposizione per lo svolgimento delle prove che si terranno nell’arco di quattro giorni. Sono 454 i responsabili d’aula a cui si sommano i referenti tecnici e il personale di vigilanza. Inoltre, in collaborazione con il Ministero dell’Interno, saranno garantite da parte delle Forze dell’ordine misure di vigilanza ad hoc.” fanno sapere dal Ministero.

Da non perdere: Specializzazioni Medicina: le irregolarità a cui fare attenzione

SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: LE SCUOLE PIU’ RICHIESTE DAL CONCORSO. Entrando nello specifico il Miur ha anche sottolineato che “Fra le tipologie di Scuola più scelte dai candidati figurano: Anestesia Rianimazione Terapia Intensiva e del dolore, Radiodiagnostica, Medicina interna, Pediatria, Malattie dell'apparato cardiovascolare. Ogni candidato all’atto della domanda poteva scegliere fino a 3 tipologie di Scuola e massimo 2 per Area (Medica, Chirurgica, dei Servizi Clinici)”. Più in generale è invece utile ricordare che i “contratti di Formazione specialistica a disposizione sono 6.363, di cui 6.000 coperti con fondi statali, 363 da Regioni e altri enti. I contratti coperti con fondi statali sono 1.000 in più rispetto al precedente concorso.”

Concorso Specializzazioni Medicina: cosa fare in caso di irregolarità

CONCORSO SPECIALIZZAZIONE MEDICINA: TUTTO PRONTO PER IL TEST. Non di sole cifre, però, vive questo secondo concorso nazionale per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina. La macchina organizzativa dietro ai test e alle graduatorie è infatti molto complessa. “Nei giorni scorsi le Università coinvolte, in collaborazione con il Miur, hanno provveduto al controllo e al collaudo di tutte le postazioni. – si legge nel comunicato proveniente da Viale Trastevere - Il Ministero, nelle indicazioni operative inviate agli Atenei, ha chiesto che le postazioni siano allestite in modo da impedire potenziali interazioni fra i candidati e tentativi di copiatura.”