Il selfie dello studente che ha danneggiato un’opera d’arte

Di Valeria Roscioni.

La voglia di scattarsi una foto ha battuto il senso civico. Ecco come sono andate le cose

Al Satiro Ubriaco dell’Accademia delle Belle Arti di Brera adesso manca una gamba. La colpa –dicono alcuni testimoni di cui però al momento non si conosce l’identità – sarebbe di uno studente straniero e di un suo maldestro tentativo do farsi una foto. Galeotto fu dunque il selfie e chi lo scattò? Impossibile rispondere con certezza a queste domande perché la telecamera di sicurezza in quel momento era guasta e non esistono filmati della bravata né testimonianze degli addetti alla sorveglianza.

GITA SCOLASTICA: COME FARE SE VUOI PARTIRE

Insomma in quel momento l’opera d’arte in questione, un calco in gesso risalente ai primi dell’Ottocento di un'antica scultura greca di epoca ellenistica probabilmente del 220 a.C. circa attualmente conservata (si spera meglio di così!) a Monaco, era solo. La statua, in effetti, non è ben conservata e adesso a far discutere sul web non è solamente la mancanza di rispetto dimostrata dallo studente colpevole di “selfie senza rispetto”. “Pensiamo si tratti di un incidente – ha dichiarato il direttore Franco Marrocco al Corriere.it a proposito delle condizioni di conservazione del Satiro - La statua viene assemblata a pezzi e quel blocco era in parte già staccato: ne avevamo programmato il restauro”.

Al danno materiale, dunque, probabilmente si porrà presto rimedio, per la noncuranza, invece, si sta ancora cercando una soluzione.