Tracce seconda prova maturità 2017: come affrontarle

Di Valeria Roscioni.

Tracce maturità 2017: la seconda prova ti spaventa? Ecco la guida con tutti i consigli per superare al meglio l'Esame di Stato

SPECIALE MATURITA' 2017

1° scritto | 2° prova | 3° prova| Orale | Tesina | Voto

TRACCE SECONDA PROVA 2017

Come affrontare la seconda prova di Maturità? Noi di Studenti.it abbiamo creato per te questa guida dove troverai tutte le informazioni necessarie per prepararti al meglio: dalle info tecniche sulla struttura del secondo scritto e su cosa bisogna portare con sé, ai consigli su come non farsi prendere dall'ansia, passando per le guide specifiche per ogni singolo indirizzo di scuola superiore. Cosa aspetti? Continua a leggere!

  1. Seconda prova Maturità 2017: tutto quello che devi sapere
  2. Come prepararsi per la seconda prova di Maturità 2017
  3. Tracce seconda prova Maturità 2017: come affrontarle al meglio
  4. Maturità 2017: tracce seconda prova per ciascun indirizzo


1. SECONDA PROVA MATURITÀ 2017: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Tracce e maturità: sono queste le due parole che risuonano con insistenza nelle teste degli studenti del quinto anno di scuola superiore, preoccupatissimi per l'Esame di Stato. Non tutte le tracce, però, sono uguali, soprattutto se si parla di seconda prova. Ammettiamolo: la prima prova è lo scritto della Maturità in cui i ragazzi sanno di riuscire a cavarsela. Ciò che maggiormente spaventa i maturandi, invece, è la prova che dovranno superare il giorno successivo: quesiti e problemi di matematica, versione di greco o latino, comprensione e produzione in lingua straniera, temi… della materia specifica del corso di studi frequentato.

La seconda prova della maturità è un esame scritto che presenta una struttura diversa per ciascun indirizzo di scuola superiore. L’oggetto della prova è una delle materie caratterizzanti scelte dal Miur per ognuno dei corsi di studio. Cosa significa questo? Che ogni anno il Ministero indica per ogni scuola superiore un numero di materie particolarmente importanti e caratterizzanti, come ad esempio il latino per il Liceo Classico, o la matematica per lo Scientifico. Verso la fine di gennaio, poi, seleziona una sola di queste materie per ciascun indirizzo: quella sarà l’oggetto della seconda prova dell’Esame di Stato.

La durata della seconda prova varia da indirizzo ad indirizzo, mentre la votazione è in quindicesimi, uguale per tutti ed esattamente come per le altre prove scritte della Maturità.


2. COME PREPARARSI PER LA SECONDA PROVA DI MATURITÀ 2017

Come affrontare le tracce di seconda prova
Come affrontare le tracce di seconda prova

La seconda prova è molto diversa da indirizzo a indirizzo ed è difficile fare un discorso generale che le coinvolga tutte. Qualche punto di contatto, però, c’è. Che tu debba affrontare la seconda prova di matematica o di Scienze umane, che stia tremando al pensiero della versione di greco o della seconda prova del coreutico-musicale, infatti, ci sono alcune indicazioni di base che valgono per tutti.

La prima cosa da fare è puntare su una buona preparazione. In genere le quinte sono le prime classi che vengono sottoposte allo scrutinio alla fine dell’anno e questo significa che, ancor prima che finisca ufficialmente la scuola, non dovrai più pensare ad interrogazioni e compiti in classe e potrai invece concentrarti solo sul tuo esame di Maturità. Le cose da fare però sono molte, la tesina è da finire e la maggior parte delle materie ancora da ripassare. Come organizzarsi?

1. Crea una tabella di marcia. Fai un elenco delle materie e degli argomenti da studiare e suddividili tra il numero di giorni che mancano all’esame, in modo da dedicare ad ogni materia il tempo necessario per apprendere o ripassare i vari argomenti.

2. Rivedi argomento per argomento. Prendi l’indice delle materie scelta dal Miur e appunta tutti gli argomenti. Rivedili uno per uno e, al termine di ognuno, fai degli esercizi che ti aiutino a fissare i concetti nella memoria e a ripassare in maniera completa e corretta.

3. Allenati con le tracce degli anni passati. Una volta rivisti tutti gli argomenti, usa le tracce delle seconde prove degli anni passati per allenarti (le trovi qui). Cerca quelle del tuo indirizzo – se non le trovi al link precedente, dai un’occhiata al paragrafo 4 della guida – ed esercitati con quelle, facendo finta di essere proprio all’esame di Maturità. Guarda l’orologio e ritagliati la stessa quantità di tempo che avrai il giorno della seconda prova. In questo modo riuscirai ad organizzarti al meglio.


3. TRACCE SECONDA PROVA MATURITÀ 2017: COME AFFRONTARLE AL MEGLIO

Dopo esserti preparato, arriverà il giorno della seconda prova, quella vera. Per la Maturità 2017, nello specifico, il fatidico appuntamento è fissato al 22 giugno: quel giorno dovrai far fruttare nel migliore dei modi tutto il lavoro fatto fino a questo momento. A tuo favore avrai diverse ore a disposizione per svolgere la prova ma, a remarti contro, avrai un nemico: l’ansia, che rischia di farti commettere degli errori. Come tenerla a bada?

1. Leggi attentamente la traccia
La prima cosa da fare è leggere la traccia della tua seconda prova con attenzione. Devi capire bene quello che ti viene chiesto e, nel caso avessi bisogno di qualche chiarimento in più, ricorda che puoi anche chiedere aiuto al professore.

2. Organizza il tuo tempo
Una volta letta con attenzione la traccia dovrai organizzare il tuo tempo, con una sorta di tabella di marcia. La struttura di questa varierà da studente a studente e, soprattutto, da materia a materia. Un consiglio che però va bene per tutti è quello di ritagliarsi il tempo sufficiente per correggere eventuali errori e per copiare in bella quello che hai scritto.

3. Tieni sotto controllo l’ansia
L’ansia è un nemico che va tenuto sotto controllo ma che, se non supera certi limiti, puo’ anche avere effetti positivi. Si tratta infatti di uno stato emozionale di difesa che, fino ad un certo punto, garantisce un buon rendimento e potenzia al massimo le prestazioni dell’organismo. Un po’ d’ansia, insomma, non deve spaventarti perché ti aiuterà addirittura a fare una prova migliore.

Guarda la guida su come gestire l’ansia alla maturità

4. Utilizza gli strumenti a tua disposizione
Dizionari, calcolatrici, strumenti tecnici: non lasciare a marcire sul banco quello che ti è permesso di usare. Gli strumenti che puoi adoperare possono tornarti molto utili nell’affrontare la seconda prova, perché riducono il rischio di incappare in un errore.

Ecco, indirizzo per indirizzo, cosa puoi portare con te.

5. Prendi una pausa
Appena finita la seconda prova, ma prima di consegnare, prenditi una pausa e fai riposare per qualche istante il cervello. Puoi approfittarne per andare in bagno, bere dell’acqua, far merenda… l’importante è che, per 5 minuti, tu distolga l’attenzione dalla prova.

6. Correggi e ricopia
A questo punto sarai pronto per rileggere quello che hai scritto e per correggere eventuali errori. Accertati, per quanto possibile, di non aver sbagliato nulla e poi procedi con la trascrizione in bella copia che, una volta terminata, dovrai ricontrollare almeno due volte.


4. MATURITÀ 2017: TRACCE SECONDA PROVA PER CIASCUN INDIRIZZO

Queste sono le indicazioni generali su come affrontare le tracce della seconda prova. Qui di seguito, invece, trovi i link che ti rimandano alla guida specifica per il tuo indirizzo di studi, con i link alle tracce degli anni precedenti:

Licei


Istituti Tecnici


Istituti Professionali