Le scale termometriche

Di Micaela Bonito.

Le diverse tipologie di scale termometriche: Scala Celsius, Scala Fahrenheit, Scala assoluta o di Kelvin

Argomenti trattati:
- Temperatura - Termometri - Diversi tipi di scale termometriche - Esercizi (e Svolgimento)

Diversi tipi di scale termometriche

Scala Celsius:
Questa scala, che prende il nome dal suo ideatore, l’astronomo svedese Anders Celsius (1701-1744), è stata ottenuta scegliendo come riferimenti il ghiaccio che fonde, a cui si attribuisce una temperatura di 0° Celsius (o 0°C), e l’ebollizione dell’acqua, a cui si attribuisce il valore di 100°C.
La scala è detta anche centigrada, perché si è scelto di suddividere la distanza tra i punti di riferimento in cento parti che vengono denominate “grado”.

Scala Fahrenheit
Questa scala è utilizzata nei paesi anglosassoni e venne introdotta dal fisico tedesco D. G. Fahrenheit (1686-1736). Come “zero” della scala egli scelse la temperatura più bassa che era riuscito ad ottenere nel suo laboratorio e 96 gradi come temperatura corporea di un soggetto umano sano.
In questa scala, il punto di congelamento dell'acqua è di 32 gradi Fahrenheit o (32°F), mentre il punto di ebollizione corrisponde a 212 gradi, suddividendo così i due estremi in 180 gradi.
L'unità di questa scala, il grado Fahrenheit (°F) è 5/9 di un grado Celsius.
La relazione che consente di passare dai gradi Celsius ai gradi Fahrenheit è la seguente:

Collegamento con la “letteraratura” e il “Cinema”:
Un importante libro di fantascienza ha come titolo: Fahrenheit 451. Il titolo è stato scelto dall’autore, lo scrittore statunitense Ray Bradbury, perché 451 è la temperatura a cui la carta brucia (il corrispondente valore in gradi Celsius è di 232.78°C ).
Il libro, pubblicato nel 1953, è ambientato in un ipotetico futuro nel quale leggere libri è considerato un reato, per contrastare il quale è stato istituito un apposito corpo di vigili del fuoco impegnato a bruciare ogni tipo di volume. Il titolo del romanzo, non a caso, è riferibile alla temperatura a cui la carta brucia
Da questo libro è stato tratto il film “Fahrenheit 451” del grande regista, attore e critico cinematografico francese François Truffaut, che ha dato un contributo importante alla nascita del movimento della Nouvelle Vague.


Scala assoluta o di Kelvin

La scala termometrica assoluta o Kelvin, in onore del fisico scozzese W. Kelvin (1824-1907), si basa sull’esistenza dello zero assoluto, ovvero sull’esistenza di una temperatura al di sotto della quale non è possibile andare (da ciò deriva il termine assoluta attribuito alla scala).
Lo zero della scala Kelvin (abbreviato in 0 K) è quindi posto in corrispondenza dello zero assoluto e per questo motivo non esistono, in questa scala, temperature negative. La scala Kelvin è stata fatta in modo tale che l’ampiezza di un grado Kelvin sia uguale all’ampiezza di un grado Celsius.

La relazione per passare da gradi Kelvin a gradi Celsius è quindi la seguente:

Passare da una scala all’altra è quindi semplice. Lo zero centigrado corrisponde, per esempio, a 273,15 K. La differenza fra le scale consiste, in pratica, solo in una differenza sul livello dello zero.

Esiste inoltre un’altra scala detta scala Réaumur che però ormai è inutilizzata

Vai nella pagina degli esercizi per un problema di esempio sulle scale termometriche