La ripresa degli studi

Di Unione degli Universitari.

Cosa bisogna fare per ritornare a studiare oppure per prendere una seconda laurea

La Controguida all'università è realizzata da

RIPRESA DEGLI STUDI e DECADENZA
Può accadere che lo studente, senza voler necessariamente rinunciare agli studi, si trovi nella condizione di interromperli per qualche anno. In questo caso l'interessato, quando decide di riprendere gli studi, per non perdere i crediti acquisiti e gli esami sostenuti è tenuto ad effettuare i versamenti delle tasse d'iscrizione arretrate. Per gli anni di inattività non bisogna pagare i "contributi studenteschi". Ci si può rivolgere alla Segreteria, che fornirà i moduli di conto corrente per le tasse relative agli anni accademici d'inattività.

NON FATEVI ABBINDOLARE
Non vi fate abbindolare da chi vi dice che dopo un tot di anni se non vi rivolgete a qualche istituto privato (vedi CEPU) avrete perso tutto!!
Ogni Ateneo stabilisce, nel Regolamento Didattico di Ateneo e nei suoi regolamenti didattici dei vari corsi, i tempi oltre i quali i crediti acquisiti non vengono più riconosciuti e quindi lo studente "decade". In precedenza vigeva una norma che fissava in 8 anni di inattività il tempo massimo oltre il quale si decadeva dallo status di studente. Ora ogni ateneo in autonomia stabilisce il numero di anni oltre i quali le conoscenze acquisite vengono ritenute obsolete e il numero di anni "senza esami" oltre i quali si ritiene lo studente "decaduto".

CONSEGUIMENTO DI ALTRA LAUREA
L'essere già in possesso di una laurea consente, indipendentemente dal titolo di istruzione secondaria posseduto, l'iscrizione a qualsiasi corso di laurea alle condizioni previste dalla facoltà a cui tale corso appartiene. Non è possibile essere iscritti contemporaneamente a più corsi di laurea.