Specializzazioni Medicina: ancora progressi per il ricorso

Di Valeria Roscioni.

Test Scuole di Specializzazione di Medicina: i ricorsi vanno avanti. Le ultime novità dall’Avvocato Bonetti

SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: ANCORA PROGRESSI PER IL RICORSO. La gestione del numero chiuso a Medicina continua ad essere al centro dell’attenzione. Così, mentre si avvicina il 30 aprile, data entro cui il Ministro Giannini ha promesso di pubblicare il bando per il nuovo concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione Medica, i problemi relativi al pasticcio dei test per le Specializzazioni dello scorso anno non sono ancora finiti. I ricorsi proseguono e in questi giorni per gli aspiranti specializzandi che hanno deciso di intraprendere le vie legali sono arrivate delle novità incoraggianti. Il Tar Lazio è stato dovrà rivedere la sua ordinanza cautelare con la quale non aveva accolto un primo ricorso singolo “pilota” presentato nell'ambito del maxi ricorso per le irregolarità del concorso delle Scuole di Specializzazione mediche, promosso dalla Fp Cgil Medici e patrocinato dagli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia.

utto sulla sentenza: Specializzazioni Medicina: primi ricorsi vinti

RICORSO SCUOLE SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: LA NUOVA ORDINANZA. A sancirlo è l’ordinanza n. 1440 della VI Sezione del Consiglio di Stato che ha accolto l'appello contro la mancata sospensiva da parte del Tar Lazio, ai fini di una rapida fissazione nel merito del ricorso di primo grado. Si tratta del secondo segnale positivo proveniente dal Consiglio di Stati che di recente ha anche sancito la riammissione in soprannumero alle Scuole di Specializzazione in Medicina di 300 ricorrenti che ora dovranno ottenere le borse di studio.

Il parere del Coordinamento Mondo Medico: Specializzazioni Medicina: i ricorsi non pregiudicheranno i posti disponibili

SCUOLE SPECIALIZZAZIONE MEDICA: LA BATTAGLIA CONTINUA. “Il Consiglio di Stato ha accolto i nostri motivi di appello – hanno dichiarato gli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia - richiedendo al Tar di rivedere il proprio giudizio. I Giudici di ultimo grado hanno poi accolto un nostro ricorso su Medicina Generale, ammettendo in sovrannumero un ricorrente su illegittimità generali della graduatoria”. “Si tratta di un ulteriore passo in avanti per il diritto alla formazione dei giovani medici con un sistema trasparente ed inclusivo” ha aggiunto Massimo Cozza, segretario nazionale Fp Cgil Medici.

Rimani sempre aggiornato grazie al Gruppo FB numero chiuso Medicina - Iscriviti per ricevere gli aggiornamenti su numero chiuso e ricorsi