Ricorso Medicina: la sentenza sul numero chiuso non è definitiva

Di Valeria Roscioni.

Ammissioni in sovrannumero sì o no? Il numero chiuso di Medicina è un caso ancora aperto. Le indicazioni di Bonetti e la reazione del Miur

RICORSO TEST MEDICINA 2014: OCCHIO AL MIUR! Cosa sta succedendo? Da quando il Tar ha emesso la sentenza riguardante l’immatricolazione in sovrannumero di duemila studenti che avevano sostenuto ad aprile il test d’ingresso di Medicina in rete è il caos. Tra esultanze e proteste sono molte le domande a cui rispondere: come reagirà il Miur? Quali sono le tempistiche da rispettare? Quando sarà possibile immatricolarsi? Quando avranno luogo gli altri ricorsi? A queste domande ha cercato di rispondere l’Avvocato Michele Bonetti che il 21 luglio ha scritto una lettera aperta ai ricorsisti.

Le informazioni dell'avvocato Bonetti: Ricorso test Medicina 2014: tutto sulla sentenza del Tar

Non hai fatto ricorso e vuoi sapere se sei ancora in tempo? Test medicina 2014: tutto sui ricorsi straordinari

ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: DATE E SCADENZE DEI RICORSI DI MEDICINA. Cominciamo subito col chiarire il calendario e le modalità secondo cui si svolgeranno i ricorsi per i quali l’Udu ha parlato della possibilità di far ammettere in sovrannumero quattromila studenti: “Ad oggi sono stati “sparati” tutti i ricorsi – scrive Bonetti sul sito del proprio studio legale - il maxi collettivo, i semicollettivi e gli individuali sono tutti in attesa di essere decisi in un periodo che va dal 4 agosto al 9 settembre e comunque prima dell’inizio dell’anno accademico fissato per il primo ottobre”. Dunque la macchina è stata messa in moto del tutto ma, nonostante le premesse al momento rosee, non è ancora detta l’ultima parola.

Il Codacons si rivolge al Miur: Numero chiuso Medicina: test abolito o ricorsi per 350 milioni di euro

I problemi non sono finiti: Ricorso numero chiuso 2014: Medicina è a rischio

TEST MEDICINA: IL MIUR POTREBBE OPPORSI AL RICORSO. Il Miur, infatti, potrebbe contestare le decisioni del Tar come spiegato dallo stesso Bonetti: “Il Ministero potrebbe fare appello da un giorno all’altro, ed è per questo che abbiamo scelto di partire dalle nostre “testuggini”, auspicando di resistere concretamente al Consiglio di Stato, proteggendo il nostro imminente collettivo, e consentiteci di affermarlo, anche tanti altri ricorsi da noi non patrocinati che auspichiamo seguiranno la nostra scia come da sempre e giustamente avviene. […] E se vi sarà l’appello? Sarà l’ultima prova di una risposta insufficiente in termini culturali e politici del Ministero dell’Istruzione e delle nostre Università dinanzi ad un sistema che colpisce tutto e tutti, dinanzi ad un sistema che sta implodendo su se stesso […] Noi riteniamo che non vi siano motivi per avanzare appello al Consiglio di Stato. Il Tar del Lazio ha definitivamente accolto la nostra tesi sull’ammissione soprannumeraria e sul risarcimento del danno in forma specifica. In poche e semplici parole, il concorso pur se viziato è stato fatto salvo e i ragazzi collocatisi in posizione utile non rischiano alcunché”.

Tutto sulla sentenza: Test Medicina 2014 illegittimo: salta il numero chiuso

Dunque, qualora le previsioni dell’avvocato dovessero rivelarsi esatte, gli unici a rimanere a bocca asciutta, e senza posto all’interno di una facoltà di Medicina italiana, sarebbero i ragazzi che non sono rientrati in nessuna graduatoria e che non hanno fatto ricorso. Tu cosa ne pensi? Credi che sia un’ingiutizia?

La polemica: Test Medicina: per entrare basta pagare?